Mia nonna era la persona che mi faceva restare sui miei binari

di

Martina, 12 anni. Racconto ricevuto nell’ambito del progetto “Futuro Prossimo

Caro diario,

la mia selva oscura è iniziata precisamente il 4 Marzo dell’anno scorso quando mia madre tornò a casa dicendomi che mia nonna non ce l’aveva fatta, da quel momento ho smarito la mia retta via, perché mia nonna era ed è ancora oggi, anche se non c’è più, la persona che mi faceva restare sui miei binari.

Ho ancora dentro di me il fuoco che ustiona il mio cuore, ma man mano sto ritrovando la mia retta via, lo sto facendo da sola, ma di solito quando mi cade di nuovo il mondo addosso la mia migliore amica Arianna e mia sorella Alessia mi aiutano a rialzarmi tendendomi una mano.

Promisi a mia nonna di fare forza ai miei genitori e di andare bene a scuola, spero che lo stia facendo proprio come desiderava.

Io ho il suo stesso dono: quello di saper cucire. Prima se si rompeva qualche vestito chiedevano a lei di ripararlo, ora chiedono a me, sono sicura al 100% che lei ora sia fiera di me.

Regioni

Ti potrebbe interessare

I miei genitori e i miei insegnanti accorrono sempre in mio aiuto

Nonostante tutto io credo sia importante amarci, perché se ci amiamo l’uno con l’altro, possiamo uscire da questo inferno che ci circonda.

Con il Covid almeno abbiamo recuperato una quotidianità più lenta

Sicuramente in questo periodo ho avuto modo di conoscermi meglio, scoprendo debolezze e fragilità, che però vedo affliggere anche gli adulti.

Una pagina triste della mia vita, e il mio papà “Virgilio”

In questo testo voglio raccontare dei primi mesi del 2019 perché sono stati i più dolorosi  e tristi della mia vita.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK