Articoli per regione: Puglia

Il mio desiderio da maggio 2020 è quello di poter viaggiare

di

Non sopporto più di restare qui ferma a casa mia senza divertirmi, il covid ce lo impedisce. Sopporto tutto ciò stando al telefono con le amiche.

Vorrei abbracciare le persone che amo, senza la paura di non poterlo rifare

di

"Ho paura di non essere accettato per quel che sono". "Ci avete giudicato come untori, e io adesso ho paura di essere giudicata e di dire qualsiasi cosa". "Mi sento terribilmente solo". "Ho bisogno di te..."

E’ bello confrontarsi con gli altri, soprattutto se si tratta di tuoi pari

di

Ho capito quanto sia fondamentale esternare i propri problemi e le proprie fragilità, accettando consigli ma anche giudizi e pareri altrui, poiché anch’essi aiutano a crescere.

Voglio essere meno fragile, essere forte, nascondere le mie paure

di

Nessuno dovrebbe notare le mie fragilità e paure; credo di riuscire a superarle da sola anche se certe volte non riesco e chiedo aiuto ai miei genitori.

Mi sento intrappolata, quando gioco a tennis torno a respirare

di

In questo periodo l’unica libertà che ho è quella di poter giocare a tennis, lì posso respirare aria fresca senza mascherina!

Serena, con il Covid all’improvviso mi sono ritrovata nell’Inferno

di

Serena racconta di essersi sentita smarrita perché privata degli amici, della vita sociale, dei parenti, ma soprattutto della sua libertà.

Forse stiamo perdendo gli anni più belli, quelli dell’adolescenza

di

Si pensava a una cosa passeggera e veloce, invece a distanza di un anno ci ritroviamo ancora in dad. Secondo me, è la cosa migliore in questo periodo di emergenza.

Se non fosse stato per la DAD avremmo perso l’anno scolastico

di

La cosa più grave è stata la mancanza di vita sociale, ma grazie alle nuove tecnologie innovative e applicazioni siamo riusciti a rimanere in contatto.

Non riuscivo a socializzare, poi un compagno di classe mi ha parlato

di

Ero totalmente asociale, paragonabile ad un fantasma che stava in classe e faceva i compiti. Un giorno Antonio, un mio compagno di classe, cominciò a socializzare con me.

Io come Dante

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK