Mondo Gioco: dalla biblioteca alle scuole d’infanzia e nido

di

A Cappella Maggiore con Mondo Gioco germogliano nuove attività gratuite per bambini 0-6 anni e genitori grazie a Caleidos, progetto guidato in Veneto dalla Cooperativa sociale Itaca, che coinvolge il Comune di Cappella Maggiore e il locale Istituto comprensivo.

L’apertura del punto educativo in biblioteca è ormai consolidata: ogni martedì pomeriggio dalle 16.30 alle 17.30 un gruppo di dieci mamme s’incontra guidato dell’esperta Elisa Tomasi, educatrice capace di giocare e far giocare mamme e bambini (0-3 anni). Mondo Gioco, infatti, rappresenta per le donne un momento d’incontro e condivisione delle gioie, e a volte anche delle fatiche, di essere mamme.

Ma le attività di Caleidos non si fermano qui. Nel mese di marzo si concluderà il percorso di
Teatro educativo” condotto da Simone Carnielli, rivolto ai 42 bambini delle scuole d’infanzia paritarie Maria Immacolata di Anzano (TV) e San Giuseppe di Cappella Maggiore (TV). Un laboratorio di cinque incontri basato sul gioco per imparare ad instaurare relazioni positive all’interno del gruppo, prendere coscienza del proprio corpo, della voce e del gesto, mezzi espressivi fondamentali a conoscere e usare il tempo, lo spazio, il ritmo, stimolando la propria inventiva e creatività.
Il 31 marzo partirà per i 9 piccini del nido di Cappella Maggiore (TV) un percorso musicale di 10 incontri. Ogni martedì e giovedì Giorgia Favero, esperta musicale del metodo Gordon, aiuterà i bimbi ad apprendere la musica che, alla pari degli altri linguaggi, è uno strumento di crescita e sviluppo individuale.
Entrambi i percorsi si chiuderanno con esibizioni aperte alle famiglie, per divertire e divertirsi tutti insieme.

Tutte le attività di Mondo Gioco sono gratuite e realizzate all’interno di Caleidos, progetto vuole superare le fragilità educative e offrire nuove opportunità ai bambini 0-6 anni, assicurando loro il diritto ad apprendere, formarsi, sviluppare capacità e competenze, coltivare le proprie aspirazioni e talenti, promuovendo una comunità educante che sia in grado di prendersi cura dei bambini più fragili e anche delle loro famiglie.

Realizzato in Veneto dalla Cooperativa sociale Itaca, Caleidos è frutto di una partnership motivata che vede coinvolti Ulss n. 2 Marca Trevigiana – Distretto Pieve di Soligo, Fondazione di Comunità Sinistra Piave, Istituti comprensivi di Cappella Maggiore e “Grava” Conegliano 1, Nido Comunale di San Vendemiano (gestito dalla Cooperativa Stella). In un’ottica di lavoro di comunità, gli Istituti comprensivi hanno coinvolto le Amministrazioni comunali di Conegliano, San Vendemiano, Cappella Maggiore, Colle Umberto, Fregona e Sarmede con i relativi Servizi Sociali. Caleidos è un progetto nazionale sostenuto dall’Impresa Sociale Con I Bambini  nell’ambito del Bando Prima Infanzia 0-6.

Ti potrebbe interessare

Come restare vicini: cosa succede in Friuli Venezia Giulia e Veneto

di

Il periodo ci costringe a stare lontani, ma i rapporti di fiducia costruiti in questo anno di attività di Caleidos sono il motivo per progettare nuovi modi per rimanere vicino ai più piccoli e alle loro famiglie. Gli esempi in Veneto e Friuli Venezia e Giulia.

L’italiano a casa con Caleidos

di

Progetto Caleidos propone "L'italiano a casa", una serie di brevi videolezioni di italiano da seguire su telefono; la rimodulazione dei quattro corsi di italiano gratuiti per le mamme avviati nei quattro Istituti Comprensivi di Pordenone e sospesi a per l'emergenza Covid-19. Le videolezioni sono un modo per ascoltare, parlare italiano ed imparare, ma soprattutto restare vicini.

L’importanza delle relazioni e il potere degli affetti

di

Progetto Caleidos a “Casa Amica – Fondazione Maria Rossi”: intervista a Franco Bernardo, direttore della Casa anziani di Fregona (Tv).