Genitori più consapevoli sono genitori più responsabili

di

A Pordenone Caleidos punta sui servizi già esistenti per migliorarne qualità, accesso, fruibilità, integrazione e innovazione, ma anche per rafforzare l’acquisizione di competenze fondamentali per il benessere di bambine, bambini e delle loro famiglie. Rientra in questa prospettiva la serie di incontri formativi gratuiti dedicati ai genitori dei bambini frequentanti gli asili nido e comunque aperti all’intera cittadinanza.

“Genitori consapevoli, genitori responsabili” è un ciclo di quattro incontri gratuiti organizzato in collaborazione con il Servizio Nidi del Comune di Pordenone. L’obiettivo è offrire alle mamme e ai papà, i cui bambini frequentano gli asili nido comunali e accreditati di Pordenone, una serie di opportunità formative e informative volte ad accrescerne non solo la consapevolezza ma anche la responsabilità genitoriale.

Con “Genitori consapevoli, genitori responsabili” “abbiamo voluto continuare – afferma il consigliere comunale Alessandro Bassonel segno di una collaborazione tra il Servizio Nidi e Infanzia e i genitori, al fine di diffondere degli strumenti per poter vivere nel migliore dei modi un ruolo sempre più difficile. Questi incontri vogliono far conoscere ulteriormente il Servizio e l’offerta formativa dei nidi comunali e accreditati, per i quali l’amministrazione dimostra sempre grande attenzione”.

 Il prossimo appuntamento è previsto lunedì 25 novembre dalle 17.30 alle 19 nella Sala Teresina Degan della Biblioteca civica di Pordenone, tema dell’incontro “I segnali del bambino: quale invio?”, interverranno le dott.sse Roberta Ruffilli e Sandra Puiatti della Neuropsichiatria infantile dell’Aas n.5 Friuli Occidentale.

L’ultimo incontro di sabato 30 novembre dalle 10 alle 12.30 sempre nella sala Degan della Biblioteca, gli istruttori della Croce rossa italiana terranno una “Lezione informativa sulle manovre salvavita pediatriche”.

Per favorire la più ampia partecipazione dei genitori, il progetto Caleidos mette a disposizione un servizio di accoglienza per bambini 0-6 anni, che sarà gestito dalla Cooperativa Melarancia di Pordenone.  Le adesioni inziano due giorni prima dell’evento scrivendo a info@melarancia.it.

In precedenza si erano svolti, con grande interesse da parte delle famiglie, il 26 ottobre “La responsabilità genitoriale al tempo dei nuovo media: aspetti legali e spunti educativi”, relatori l’avvocata Liala Bon e il dott. Matteo Maria Giordano, moderatrice la coordinatrice pedagogica dei nidi comunali L’Aquilone e il Germoglio, dott.ssa Fabia Genoni; il 30 ottobre “La prevenzione va al nido”, con le dott.sse Eleonora Biasotto e Fabiola Stuto, del dipartimenti di prevenzione dell’Aas5 Friuli occidentale.

Co-finanziato dall’impresa sociale Con I Bambini, il progetto Caleidos è operativo a Pordenone e Cordenons ed è guidato in Friuli Venezia Giulia dalla Cooperativa sociale Itaca, ricco il partenariato che comprende Comune di Pordenone, Comune di Cordenons, Azienda per l’Assistenza Sanitaria n.5 “Friuli Occidentale”, gli Istituti Comprensivi Pordenone Sud, Pordenone Torre, Pordenone Rorai Cappuccini, Pordenone Centro, la Cooperativa Melarancia, la Cooperativa Abitamondo, l’Associazione Genitori Melarancia e la Fondazione Well Fare. 

 

Ti potrebbe interessare

L’importanza delle relazioni e il potere degli affetti

di

Progetto Caleidos a “Casa Amica – Fondazione Maria Rossi”: intervista a Franco Bernardo, direttore della Casa anziani di Fregona (Tv).

Al Farfabruco i bambini tornano a giocare

di

A Pordenone il servizio sperimentale innovativo al nido d’infanzia Farfabruco, rivolto ai bambini 0-3 anni nell’ambito del progetto Caleidos.

L’italiano a casa con Caleidos

di

Progetto Caleidos propone "L'italiano a casa", una serie di brevi videolezioni di italiano da seguire su telefono; la rimodulazione dei quattro corsi di italiano gratuiti per le mamme avviati nei quattro Istituti Comprensivi di Pordenone e sospesi a per l'emergenza Covid-19. Le videolezioni sono un modo per ascoltare, parlare italiano ed imparare, ma soprattutto restare vicini.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK