La fiducia nelle relazione genitori-insegnanti

di

La povertà educativa che anche in Veneto colpisce la prima infanzia ha generalmente effetti a lungo termine e comporta un maggiore rischio di esclusione sociale per quelli che saranno gli adulti di domani. È oggi diffusa la consapevolezza che l’accesso a servizi socio educativi di qualità, soprattutto nella fascia d’età 0-6 anni, sia in grado di incidere in maniera significativa sulla riduzione delle disuguaglianze e sull’aumento delle opportunità anche per i familiari.

Sulla scorta di queste riflessioni si è mosso il progetto Caleidos, co-finanziato dall’impresa sociale Con I Bambini e guidato in Veneto dalla Cooperativa sociale Itaca. Grazie al partner Ulss 2 Marca Trevigiana – Distretto Pieve di Soligo, Caleidos ha intrapreso un percorso virtuoso, per offrire un sistema di servizi integrati socio sanitari, rivolti sia ai bambini 0-6 anni sia ai loro familiari.

In questa prospettiva, Caleidos ha attivato, grazie alla preziosa collaborazione dell’Istituto comprensivo Grava di Conegliano, un percorso di formazione dal titolo “Parliamone… l’importanza della fiducia nella relazione tra genitori ed insegnati”, rivolto agli adulti che si occupano ogni giorno dei bambini più piccoli. Il laboratorio ha previsto tre incontri, l’ultimo dei quali si è tenuto il 14 ottobre, e si è svolto completamente all’aperto nel giardino della scuola d’infanzia Matteotti di Conegliano. Le attività sono state curate da una équipe multidisciplinare dell’Ulss 2 composta da tre professionisti del settore: un educatore, un’assistente sanitaria e una psicomotricista. Vi hanno partecipato 12 genitori di varie nazionalità, un numero limitato a causa delle restrizioni per prevenire il contagio da Covid-19. Il percorso formativo, prima di rivolgersi ai genitori, ha convolto sia in presenza sia da remoto gli insegnanti della Matteotti, scuola d’infanzia sempre aperta ad iniziative formative rivolte al corpo docente e ai genitori. I temi trattati e discussi all’interno del gruppo hanno riguardato la comunicazione e la relazione, l’alimentazione e il sonno, il gioco e l’emotività, con l’obiettivo di mettere costantemente in relazione famiglia, scuola e servizi socio sanitari e educativi.

Guidato in Veneto dalla Cooperativa sociale Itaca, Caleidos è un progetto articolato che mira ad intervenire sulla fragilità educativa delle famiglie con bambini 0-6 anni. Frutto di un’ampia partnership, Caleidos vede coinvolti Ulss n. 2 Marca Trevigiana – Distretto Pieve di Soligo, Fondazione di Comunità Sinistra Piave, Istituti comprensivi di Cappella Maggiore e “Grava” Conegliano 1, Nido Comunale di San Vendemiano (gestito dalla Cooperativa Stella). In un’ottica di lavoro di comunità, gli Istituti comprensivi hanno coinvolto le Amministrazioni comunali di Conegliano, San Vendemiano, Cappella Maggiore, Colle Umberto, Fregona e Sarmede con i relativi Servizi Sociali.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Nonni, genitori e bambini insieme “da zero a cento”

di

Avviati due spazi con attività gratuite a Fregona (Tv):  lettura, fiabe e laboratori in Biblioteca e  gioco e yoga a Casa Amica...

Il progetto Caleidos ha risposto ai bisogni delle famiglie

di

In tre anni di attività Caleidos ha contribuito a migliorare la costruzione di rapporti di collaborazione con le famiglie, ha fornito strumenti utili per una valutazione precoce nei bambini di bisogni educativi speciali, ha migliorato la capacità di risposta di soggetti e organizzazioni coinvolte, ha valorizzato i servizi esistenti sul territorio e contribuito alla creazione di reti di collaborazione con altri attori.

Caleidos promuove l’armonia educativa dei bambini a Sarmede

di

66 bambini alle prese con diverse attività, laboratori di affettività, percorsi di psicomotricità, letture, esperimenti, percorsi naturali, artistici e laboratori musicali nelle scuole d’infanzia Stepan Zavrel di Rugolo, Sacro Cuore di Sarmede e San Giovanni Bosco di Montaner grazie al Progetto Caleidos.