DUE ANNI DI “INVIOLABILI“ A BARI: OPPORTUNITÀ, SFIDE E CRITICITÀ

di

A giugno 2021 è partito il progetto INVIOLABILI. Un progetto ambizioso che intende promuovere pratiche educative sane e positive, prevenire l’insorgere di comportamenti violenti da parte degli adulti e attivare interventi tempestivi, integrati ed efficaci per proteggere i bambini e le bambine vittime di ogni forma di violenza.

Il bilancio dei primi due anni è assolutamente positivo alla luce di ciò che è stato realizzato intensamente in questi mesi di lavoro attraverso percorsi integrato tra pubblico e privato sociale. Percorsi formativi per professionisti, laboratori per le famiglie, interventi di segnalazione e presa in carico, sono solo alcune delle azioni attivate e ancora in corso.

La formazione dedicata agli insegnanti degli asili nido e delle scuole d’infanzia comunali, statali e paritarie, è riuscita a coinvolgere 117 docenti; è stato siglato un protocollo operativo con l’Assessorato alla pubblica istruzione e predisposta una scheda di invio da utilizzare per la rilevazione di elementi di fragilità o vulnerabilità, nonché dei fattori di rischio, relativi ai minori per le scuole d’infanzia o asili nido.  Una seconda formazione è stata dedicata a 75 operatori dei servizi socio-educativi del territorio (educatori, assistenti sociali, psicologi e pedagogisti e operatori sociali) e anche in questo caso è stato possibile realizzare una scheda di invio a seguito del protocollo siglato con l’assessorato al Welfare e alla città inclusiva del Comune di Bari, consegnata a tutti gli operatori che la stanno già utilizzando per l’invio di alcuni casi.

Sono stati effettuati incontri di intervisione prima dedicati ai docenti e successivamente a tutti gli attori principali della rete regionale per il contrasto della violenza delle persone di minore età (assistenti sociali, pediatri, educatori/docenti) con un focus specifico sui bambini in fascia d’età 0-6 anni. Gli incontri, suddivisi per Municipi, sono stati condotti dalla prof.ssa Maria Grazia Foschino Barbaro, in collaborazione con la Società Italiana di Pediatria e l’équipe operativa del Pronto Intervento Minori (PIM); l’obiettivo è stato quello di favorire uno spazio di confronto e dialogo tra le diverse figure professionali, un’opportunità, quindi, per conoscersi e promuovere il consolidamento della rete tra i servizi e condividere omogenei strumenti operativi, tenendo conto delle linee guida regionali.

Sono stati organizzati numerosi percorsi laboratoriali genitore-figlio rivolti a minori 0-3 anni sulla genitorialità positiva, realizzati da un’educatrice esperta con il supporto di una psicologa/psicoterapeuta con l’obiettivo di prevenire o intercettare possibili situazioni di pregiudizio o lavorare sulla relazione tra il genitore e il bambino con il tramite di un’attività che li ha visti protagonisti, in un tempo esclusivo dedicato alla diade.

Il sostegno psicologico alle famiglie, attraverso colloqui individuali o percorsi di gruppo, ha rappresentato uno spazio sempre a disposizione dei nuclei per confrontarsi e ricevere indicazioni utili a promuovere il sostegno e il benessere dei singoli o del nucleo familiare.

Sono stati mantenuti costanti i rapporti di collaborazione con le scuole anche attraverso l’organizzazione di laboratori tra i quali un laboratorio di educazione emotiva che, a partire dalla lettura dell’albo illustrato “I colori delle emozioni” di Anna Llenas, ha consentito ai bambini di lavorare e riflettere sulle emozioni di base (paura, tristezza, rabbia, felicità) al fine di sollecitare nei piccoli l’intelligenza emotiva. Riconoscere, utilizzare, comprendere, e gestire in modo consapevole le proprie e altrui emozioni a partire da piccolissimi consente infatti di sviluppare le competenze sociali ed affettive e il comportamento prosociale. I bambini avuto hanno la possibilità di condividere liberamente anche pensieri e situazioni connesse alle emozioni su cui si lavora nel corso degli incontri e di attribuire di senso ciò che provano e sperimentano. L’obiettivo degli incontri è stato anche quello di dare occasione di riflessione e strumenti alle insegnanti perché possano gestire in maniera funzionale eventuali contenuti emotivi dei bambini e intercettare eventuali situazioni di rischio di maltrattamento e violenza.

Tante le numerose prese in carico di nuclei a rischio o caratterizzati da conclamate situazioni di violenza e/o abuso, avviate in collaborazione e in sinergia con i servizi sociali attraverso le procedure di invio previste dai protocolli siglati. Prese in carico che si sono realizzate attraverso l’attivazione di percorsi di home visiting o la partecipazione a incontri laboratoriali caregiver-bambino tenuti da esperti, al fine di attivare canali privilegiati di osservazione della relazione.

L’ultimo anno di progetto sarà dedicato anche ad una messa a sistema delle procedure di prevenzione, segnalazione e presa in carico a partire dai punti di forza e di debolezza riscontrati in questo periodo di progetto al fine di raggiungere gli obiettivi previsti dal progetto e lasciare un segno tangibile e sostenibile della sua realizzazione sul territorio.

Essere accanto ai bambini e alle bambine, prevenire e intercettare le situazioni di abuso e maltrattamento diventa una responsabilità dell’intera comunità educante. Questi anni e quelli che seguiranno sono pertanto tempo prezioso per sollecitare e sensibilizzare, formare e fornire strumenti culturali, emotivi, sociali, pragmatici per individuare situazioni di rischio e intervenire nelle situazioni già esplose. INVIOLABILI vuole essere ed è per il territorio di Bari un progetto essenziale di supporto e di sostegno, che a piccoli passi, ma costantemente e sistematicamente, vuole aprire e spalancare una finestra sul mondo dell’infanzia e delle famiglie attivando azioni di prevenzione e protezione prima, durante, dopo e nelle diverse fasi della crescita e dello sviluppo.

Ti potrebbe interessare

TUTTO PASSA PER IL GIOCO, ANCHE LA PREVENZIONE

di

Il progetto INVIOLABILI, nelle sue azioni di prevenzione, ha il compito di portare non solo contenuti di formazione e informazione nei territori,...

LA PAROLA SULL’AFFIDO A FEDERICA BONI, PSICOLOGA E PSICOTERAPEUTA

di

Il progetto INVIOLABILI, che prevede interventi di prevenzione e sostegno a bambini vittime di ogni forma di violenza, è destinato ad una...

UNA RETE DI SOSTEGNO PER MONICA

di

La violenza è una mancanza di vocabolario (Gilles Vigneault). Monica, (nome di fantasia) è una mamma presa in carico nell’ambito del progetto...