RISPOSTE INTEGRATE A UN PROBLEMA SISTEMICO: LA VIOLENZA

di

INVIOLABILI interviene in contesti sociali in cui parlare di violenza non è scontato, tante le resistenze e i pregiudizi che rendono questo tema scomodo.

Ci troviamo spesso a intervenire in contesti in cui l’evento o la situazione eccezionale che espone i minori al rischio o al grave pregiudizio nelle delicatissime fasi di crescita che la prima infanzia prevede, diventa troppo spesso routine, normalizzazione di un atteggiamento grave proprio perché comune; si sbilancia così la valutazione della compromissione che il minore rischia e si dilatano i tempi di intervento, come insegna la storia purtroppo nota e inevitabilmente parallela a quella della violenza domestica e di genere sulle donne.

Proviamo a rendere meno soggettiva questa analisi fornendo qualche dato.

Sono 1,7 milioni i bambini che hanno subito violenza nel mondo: 5 5 milioni in Europa e 100 mila in Italia con picchi in Campania, Puglia e Lazio. Nel 9,6% dei casi si tratta di abuso sessuale, nel 16,3% dei casi di trascuratezza fisica, nel 18,4% di trascuratezza emotiva, nel 22,9% di abuso fisico e nel 29,6% di abuso emotivo, nella maggioranza dei casi il contesto di riferimento era quello famigliare.

Dall’analisi dei dati italiani e dalle informazioni che ogni giorno forniscono le realtà territoriali, ci troviamo di fronte a una nazione a più livelli, caratterizzata dalla frammentarietà dei servizi che dovrebbe però poter prendere spunto ed esempio dalle buone prassi sperimentate in alcune delle sue regioni: se in Campania, Puglia e Lazio il fenomeno dell’abuso sui minori raggiunge i suoi picchi, l’Emilia-Romagna si configura come un territorio regionale capace di contenere il fenomeno anche per l’incisività e la capillarità dei servizi attivi.

Nelle regioni più a rischio i Centri antiviolenza, il Tribunale dei minori, le case famiglia soffrono di una contrazione della spesa pubblica e una pressione sociale per cui difficilmente riescono ad attivarsi tempestivamente per prevenire alcune situazioni a rischio e mettere adeguatamente in sicurezza il minore, rendendo il lavoro nei territori al tempo stesso difficile ma fondamentale.

A Roma, dove Antropos è attiva, il sistema di protezione e cura appare ramificato, sebbene ci siano sostanziali differenze tra centro e periferia. Solo di recente sono stati riattivati i tavoli dei Piani sociali tematici (non di zona) sul tema; i protocolli stilati però si scontrano con la realtà in sofferenza sopra descritta, costringendo gli attori territoriali, come noi e i partner con cui lavoriamo, a creare nuove forme di intervento, a mettere in rete le risorse a disposizione anche fuori dalle collaborazioni istituzionalmente previste, per tamponare con interventi integrati, i lunghi tempi di attesa previsti in queste situazioni per risoluzioni definitive tese alla sicurezza, riducendo dove possibile il rischio e supportando lo sviluppo di progetti individuali di sostegno e presa in carico che rendano sostenibile le procedure.

In questo contesto di violenza sistemica, appare quindi necessario affrontare il tema e lavorare in direzione preventiva assieme, terzo settore e Cav – Centri Anti Violenza, servizi sociali e altri attori, con tutte le istituzioni, formali e informali educative, dalla scuola alla comunità educante mettendo in relazione nelle progettazioni e negli interventi tutti i soggetti esposti al rischio, le famiglie in primis.

Per questo, prendendo atto che la violenza sistemica è parte della società e della sua cultura con forti impatti sull’istituzione base, la famiglia, si deve quindi sottolineare che la violenza contro le donne e quella contro i bambini/e ha conseguenze molto importanti e variegate.

Tali conseguenze possono essere dello stesso tipo (conseguenze comuni) nel caso in cui la condizione femminile si sovrapponga a quella infantile (ad esempio nel caso delle gravidanze precoci); possono essere conseguenze cumulate, nel caso in cui la stessa persona, donna adulta o bambino/a, sia vittima di più forme di violenza; possono infine combinarsi in una dinamica intergenerazionale. Perciò è molto importante, negli interventi e nel lavoro di rete integrato con le strutture che intervengono nei territori, in prevenzione e presa in carico sulle donne, i Cav, analizzare le conseguenze della violenza contro le donne e contro i bambini/e sia singolarmente che rispetto alle aree di sovrapposizione e considerare tale analisi prioritaria negli interventi educativi che si vanno ad immaginare e realizzare assieme, soprattutto nei contesti ad alto rischio e con grandi fragilità socio-culturali come le periferie in cui ha sede INVIOLABILI.

È in questa logica che all’interno del contesto di San Basilio, a Roma, INVIOLABILI ha costruito un laboratorio per bambini e bambine tra i 3 e 6 anni presso le Spazio Donne di BeeFree durante le attività ordinarie, colloqui ed incontri destinati alle donne mamme afferenti al servizio. In questi laboratori i figli trovavano non solo uno spazio di accoglienza come previsto dal centro stesso, ma figure specializzate a disposizione per condividere, esternare, elaborare assieme e con supporto, esperienze passate attraverso momenti positivi di gioco e movimento incentrati sul tessere con sé e con l’altro relazioni consapevoli, gestibili e attente ai confini/bisogni di ognuno, senza forzature e spesso senza parole, seguendo la musica e il proprio corpo.

Argomenti

Ti potrebbe interessare

VIOLENZA E DISARMONIE DELLO SVILUPPO

di

Le cause della violenza sui bambini sono complesse e dipendono da una serie di fattori interconnessi: tra i principali troviamo stress familiare,...

UN PATTO CON LE INSEGNANTI PER UNA COMUNITÀ DI TUTELA

di

Dal febbraio 2022, due volte a settimana, le operatrici del Progetto INVIOLABILI Napoli stanno svolgendo una serie di attività presso due scuole...

INTEGRAZIONE TRA SERVIZI, UN APPROCCIO STRUTTURATO PER CRESCERE BAMBINI BENTRATTATI

di

La cooperativa sociale Antropos, che implementa il progetto INVIOLABILI a Roma, precisamente nel quadrante sud-est della città, da molti anni si occupa...