1° Meeting del Progetto T.E.R.R.A a Frosinone: “È bello sentirsi parte di qualcosa di più grande!”

di

Formazione, condivisione e unione per il primo appuntamento tra partner del progetto T.E.R.R.A. a Frosinone.

Giovedì 13 e Venerdì 14 Dicembre si è svolto il 1° Meeting del progetto T.E.R.R.A. a Frosinone, presso Cittadella Cielo. Capofila l’associazione di volontariato Onlus “Insieme Verso Nuovi Orizzonti”, che ha organizzato due giorni di formazione e di accoglienza ai 46 partner arrivati da sei regioni Italiane: Lombardia, Toscana, Lazio, Abruzzo, Puglia, Calabria.

Un programma fitto e impegnativo quello che attendeva i responsabili partner di progetto a Cittadella Cielo: tra fogli di calcolo e strategie di comunicazione, moduli di rendicontazione e strategie digitali di comunicazione. Due giornate di formazione, ascolto, e attività di networking; guidate dal Project Manager Paolo Brigo e coordinate da Liliana Zanghì. Giornate nelle quali l’accoglienza che contraddistingue Nuovi Orizzonti non ha fatto mancare gioiosi fuori programma di condivisione.

Giovedì spazio alla rendicontazione e al monitoraggio: dalle 15 alle 19 una full immersion tecnica su temi amministrativi e gestionali guidata da Ombretta Archielli e Diego Pietropaoli. Tante domande accompagnano qualche dubbio, su procedure specifiche con le quali alcune associazioni non si erano mai confrontate prima. Ma il timore dura il tempo di una notte, il tempo di ritrovarsi a Cittadella il venerdì e, tra la tanta pioggia, scorgere un po’ di sole in visi che iniziano a diventare familiari. “È bello sentirsi parte di qualcosa di più grande” – è uno dei primi messaggi che arriva all’orecchio alle 9.30 del mattino. Anche se è vero che alcuni protocolli amministrativi sono risultati un po’ ostici ad alcuni di loro, è altrettanto vero che, aggiunge una ragazza: “Anche se piccole realtà, non siamo lasciati da soli”.

Venerdì ci accompagna la certezza che c’è sempre tempo per crescere: confrontarsi con realtà più grandi di noi, misurandosi con progetti dal raggio d’azione più ampio. Iniziative e proposte non solo sul territorio locale ma anche su quello digitale. Uno spazio quotidiano nel quale giovani adolescenti oggi si muovono e si aggregano; si riconoscono, condividono e si esprimono. Giovani che il progetto T.E.R.R.A. toccherà da vicino per fargli riscoprire il territorio in cui vivono e farlo rifiorire anche attraverso i propri talenti e il proprio modo di comunicare. Emanuele Rainaldi responsabile della Comunicazione di Nuovi Orizzonti e video maker apre la giornata presentando il suo team: Alberto Moiraghi, Francesca Moscetta, Nicolò Mazzoleni ed Elsa Terenzi. Una panoramica sulla strategia di comunicazione del progetto: mezzi, stakeholder, media di massa e media digitali per finire con gli eventi locali. Un Helicoper View dettagliato, per illustrare ai partner l’importanza di fare rete, per poi scendere nei tecnicismi di un Vademecum creato ad hoc per l’occasione. Tutela delle immagini per i minori, come gestire il materiale multimediale, come veicolarlo attraverso i canali web e social a disposizione e, anche qui, come creare una rete solida di promozione per le attività del progetto coinvolgendo anche i media locali nelle aree interessate dal progetto.   

L’ultima ora del venerdì prima della partenza, è dedicata al networking: una simulazione di quello che si andrà a progettare con le Officine della T.E.R.R.A.: spazi di sperimentazione artistici che porteranno alla collaborazione e al confronto ragazzi, genitori e comunità educante. Terra che Incanta, che Emoziona, che Suona, che Intraprende, che Progetta … TERRA che unisce. Così ci si è sentiti per due giorni di meeting: uniti. Il miglior modo di partire per un viaggio lungo 4 anni.

Talent Empowerment Risorse e Reti per Adolescenti.

Buon inizio a tutti!

Regioni

Ti potrebbe interessare

Arriva … Pinocchio!

di

Grande attesa per gli spettacoli di “Pinocchio” di fine anno, previsti dalle officine della T.E.R.R.A. . Le esibizioni sono realizzate dagli studenti...

Una nuova sfida

di

Mi chiamo Liliana, sono un’operatrice dell’Associazione Teatro Labrys e da quest’anno mi occupo di gestire l’Officina “Terra che emoziona – Teatro Emozione”....

Lazio, il teatro a scuola rialza il sipario

di

Anche quest’anno prosegue il mio contributo nel ruolo di operatrice dell’Associazione “Teatro Labrys” all’interno dell’Officina “Terra che emoziona – Teatro emozione” del...