Un secondo anno di progetto… pieno di promesse!

di

In meno di un mese di scuola gli operatori del progetto Stelle di Periferie hanno fatto un gran lavoro di preparazione e coordinamento.

  1. Formazione agli insegnanti, in particolare sulla Scheda di valutazione, strumento dinamico in grado di cogliere i miglioramenti scolastici (e non solo quelli).
  2. Incontri con i genitori, in particolare quelli delle nuove classi che entreranno a far parte del progetto, per sensibilizzarli alla partecipazione al progetto.
  3. Colloqui coi ragazzi delle classi uscenti, per dare feedback su quanto emerso dalle valutazioni.
  4. In molte classi, inoltre, sono già iniziate le prime attività in orario curriculare: i pre-test e le sessioni di osservazione.

Molteplici azioni, un solo obiettivo

“Il progetto Stelle di Periferie è complesso e pieno di azioni diverse in spazi e tempi diversi ci racconta la dottoressa Fabrizia Di Lalla, coordinatrice territoriale in due scuole nel quartiere prenestino, IIS Di Vittorio Lattanzio e IC Viale Venezia Giulia. “Cosa ha a che fare un lavoro in classe col clima di gruppo con le attività dei Centri di Aggregazione Scolastica, con i laboratori pomeridiani, con la mappatura dei pericoli del quartiere? Un intero anno scolastico ha fatto percepire la visione d’insieme del progetto.”

Gli operatori sono molto contenti dell’accoglienza che hanno ricevuto all’avvio delle attività. Lo scorso autunno è stato necessario farsi conoscere, tessere alleanze e rapporti, conquistare la fiducia di tutti gli attori in campo… Ci è voluto il suo tempo. Quest’anno possiamo dire che la percezione è che il Progetto si sia “guadagnato” un ruolo nel microcosmo scolastico.

Gli incontri con gli insegnanti e con i genitori

“Soprattutto, ci hanno aiutato i risultati. Molti docenti hanno riconosciuto miglioramenti nel rendimento scolastico, o un’atmosfera in classe più distesa. La formazione dedicata a loro, iniziata a giugno e proseguita a settembre, è stata una preziosa occasione di chiarimento e di rinnovata complicità. La scheda di valutazione è stata molto apprezzata. È stata un supporto concreto per integrare il senso e l’efficacia di tante azioni apparentemente scisse ma in realtà tutte con un unico obiettivo”.

L’obiettivo di Stelle di Periferie: fare stare bene il ragazzo dentro la sua scuola (mattina e pomeriggio!), nel gruppo scolastico, e nello studio. Per supportarlo nella delicata fase dell’adolescenza e ridurre al minimo il rischio di dispersione scolastica.

Sono iniziati anche gli incontri con le famiglie, il cui coinvolgimento è molto importante, soprattutto nella fascia d’età delle scuole medie. Sembra che i genitori delle nuove classi coinvolte stiano accogliendo bene il Progetto. Forse anche in questo caso vale l’esperienza positiva dei genitori dei ragazzi delle attuali terze medie che hanno un anno di Progetto alle spalle.

Per i genitori si attiverà quest’anno, in tutte e cinque le scuole, una serie di incontri dedicata alla genitorialità. I temi non saranno proposti dagli operatori di progetto, ma dai genitori stessi, che in ciascuna scuola sceglieranno su che cosa desiderano confrontarsi e formarsi, supportati dal personale esperto messo a disposizione dal Progetto.

“È un momento positivo e pieno di aspettative da parte di tutti, questo ci fa sentire, se possibile, ancora più responsabili!” Ci dice Fabrizia. L’impegno di tutti noi di Stelle di Periferie non mancherà! Soprattutto, come sempre, confidiamo in loro, i ragazzi!

Nella foto l’ingresso dell’IIS Di Vittorio Lattanzio

Regioni

Ti potrebbe interessare

L’alleanza educativa con gli insegnanti

di

Attori importantissimi nel percorso educativo e formativo dei ragazzi sono, naturalmente, gli insegnanti. Nella consapevolezza della loro funzione chiave, il progetto Stelle...

Stress da Covid, superarlo a scuola insieme

di

Lo “stress da Covid”, chiamiamolo così, ha colpito in misure diverse tutti noi negli scorsi mesi, ed è tuttora presente. Un’indagine voluta...

Fase 2, adolescenti e genitori: un supporto al dialogo

di

Tante le questioni nuove che nascono nella Fase 2: con le pillole video gli psicologi di Stelle di Periferie propongono ai genitori...