Racconto di un avvio… e di una Rete.

di

In una luminosa mattina di ottobre, dopo lunga “gestazione”, finalmente il progetto Stelle di Periferie – Scuole Attive per l’Inclusione si presenta alla città per cui è nato. Nella Sala Protomoteca in Campidoglio ci sono operatori, istituzioni e cittadini interessati a interventi di promozione dello studio e del benessere a scuola.

I partner di Stelle di Periferie erano in fermento già da fine primavera, dopo l’approvazione del progetto da parte dell’Impresa Sociale Con i Bambini. Si lavorava per avviare le attività nei tempi prefissati, ovvero all’inizio dell’anno scolastico 2018/2019: per lavorare bene coi ragazzi in un percorso che sfruttasse la durata dell’intero anno di scuola.

Alleanze educative

Come primo step sono stati definiti i dettagli operativi del progetto con presidi e referenti scolastici. In giugno gli incontri con gli insegnanti, destinatari di attività di aggiornamento e, soprattutto, preziosi compagni di lavoro con cui strutturare un’alleanza operativa.

In luglio e settembre incontri di coordinamento e formazione con psicologi ed educatori; nel contempo, si sono svolte alcune riunioni. In primo luogo quelle coi coordinatori sui territori per tracciare linee guida operative, in un’ottica di scambio di informazioni e di adattamento alle esigenze delle singole scuole. In secondo luogo, riunioni con il valutatore sui questionari da somministrare ai ragazzi, con l’obiettivo di “fotografare” la situazione iniziale per poi rilevare cambiamenti nel corso del progetto.

Primi passi della Comunità Educante

A settembre si sono svolti anche gli incontri informativi con i genitori; incontri necessari a creare relazioni proficue, per organizzare “gruppi di genitorialità attiva” in ogni scuola. La “tessitura di alleanze” con insegnanti e genitori porta già i suoi frutti: alcune scuole hanno richiesto di anticipare l’inizio dei corsi di italiano rispetto ai tempi prefissati.

A ottobre dunque già si lavora nelle scuole e il progetto Stelle di Periferie è pronto a entrare in una “dimensione più pubblica”. Gli Assessori allo Sport e alle Politiche Sociali di Roma Capitale hanno manifestato grande interesse e hanno reso disponibile la Sala della Protomoteca in Campidoglio.

Una presentazione, anzi sette

La location è visibile e prestigiosa e il Centro Alfredo Rampi, ente capofila di Stelle di Periferie, coglie l’opportunità per trasformare la presentazione del progetto in un momento di riflessione condivisa. Un seminario: SCUOLA E PERIFERIE – Partire dalla Scuola per illuminare le Periferie, valorizzare le Periferie per rinnovare la Scuola.

A raccontarsi in Protomoteca dunque, nella chiara mattina di mercoledì 3 ottobre, ci sono sette progetti in avvio nella capitale: Stelle di Periferie, Tutti a Scuola, Libera il futuro, Relazioni a Catena, Alta Frequenza, L’isola che c’è, Vivi la Tua Scuola. Si tratta dei progetti vincitori del Bando Adolescenza, erogato da Con I Bambini, gestiti da decine di organizzazioni del terzo settore, insieme a scuole e amministrazioni locali.

Si condividono esperienze, competenze ma anche obiettivi e sogni. Un confronto che è diventato, possiamo confermarlo a oltre un mese di distanza, opportunità concreta di fare rete, vantaggio prezioso in questa città immensa, caotica, “di frontiera”. Per non lasciare nessuna via inesplorata nel contrasto alla dispersione scolastica dei ragazzi di Roma.

Ringraziamo Human Foundation, partner del Progetto Stelle di Periferie, per la realizzazione di questo video.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Studiare insieme: l’esperienza nel CAS Amaldi

di

Questo post ripercorre le attività del Centro di Aggregazione Scolastica di Stelle di Periferie all’interno di una delle cinque scuole coinvolte, l’IIS...

Comunità educante come “rete di protezione”

di

Le diverse realtà di Stelle di Periferie sono la comunità educante che ha tessuto una “rete di protezione” intorno a 1100 ragazze...

Come stai nei tuoi panni? Un test per “dare Valore”

di

Si è conclusa la prima fase del progetto Stelle di Periferie, dedicata al monitoraggio delle classi e all’individuazione dei ragazzi a maggiore...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK