I BISOGNI SPECIALI DEI PIÙ PICCOLI: LABORATORI SU MISURA PER DISTURBI DELLO SVILUPPO

di

Spesso, lavorando con i minori a rischio e con famiglie pluri-problematiche, si nota l’alta incidenza nei minori, a partire dalle fasce d’età più piccole, di problemi legati allo sviluppo, che siano questi ritardi nello sviluppo o BES bisogni educativi speciali.

All’interno delle famiglie accolte dal progetto INVIOLABILI a Roma, molti minori hanno necessità speciali in conseguenza di traumi, mancata stimolazione o altre cause. Per questi minori, che sono i più fragili ed esposti al rischio all’interno di famiglie non sempre capaci di comprendere e sostenere bisogni e necessità, sono nate delle attività dedicate.

Le attività speciali per i BES sono rivolte sia alla diade mamma-bambino – perché sono sempre le mamme in questi casi gli adulti di riferimento con cui ci interfacciamo –, che al bambino e alla mamma in momenti separati.

Le attività adulto-bambino possono essere di due tipologie: la prima, legata soprattutto all’esperienza individuale, in cui lavorariamo sulle competenze di base per poter accogliere ed essere in grado di stare all’interno di un’attività di gruppo; l’altra pensata già come attività di gruppo.

L’attività individuale è su invito e propone alla mamma e al suo bambino la sperimentazione di esperienze positive individuali, guidati e seguiti dall’educatrice dell’équipe di progetto. Le attività, realizzate a partire dallo strumento del gioco, sono specifiche, dirette e progettate in base al bisogno e prevedono la partecipazione attiva del genitore nella relazione di gioco con il minore. L’obiettivo degli incontri è lavorare sui bisogni educativi specifici emersi in contesti protetti e progettati appositamente per il minore: possono essere quindi incontri individuali per affrontare temi specifici o diretti a ripetere e consolidare vissuti positivi che sono occasione di approfondimento ed esercizio in tutti quei contenuti utili al genitore e concordati nei colloqui individuali.

Le attività di gruppo invece sono di due tipologie: una legata al gioco e condotta dell’educatrice di progetto che riprende le attività degli incontri individuali ma in piccoli gruppi; l’altra condotta da specialisti che propongono attività di potenziamento che sostengano la relazione e la comunicazione efficace tra adulto e bambino e l’acquisizione e il rafforzamento di competenze di base, in attività tarate a partire dai bisogni e dalle difficoltà di ciascuno.

Le attività hanno frequenza settimanale e sono potenziate e sostenute dai momenti di attività e colloquio con i genitori e con i bambini, in programmi separati.

I percorsi integrati collegano proposte e vissuti all’interno di progetti educativi completi, al fine di raggiungere e sostenere obiettivi e percorsi condivisi attraverso più strade, condotti da esperti e figure di riferimento, variegate e complementari.

Le diverse attività permettono inoltre di lavorare con le famiglie in maniera specifica ma anche collettiva, dando spazio ai BES senza creare quel senso di esclusione o ghettizzazione che spesso si prova quando ci si sente diversi o in difficoltà, stato d’animo ben noto dalle famiglie che accedono al progetto e che rischiano già, per vari fattori, l’isolamento.

Regioni

Ti potrebbe interessare

L’INTEGRAZIONE DEI SERVIZI: LE BUONE PRASSI NEL PRIMO TAVOLO DI COORDINAMENTO INTERCITTADINO INVIOLABILI

di

Con la fine dell’anno è tempo di fare bilanci e riflessioni. Il 2022 è stato sicuramente un anno denso per INVIOLABILI: percorsi...

LA VALIGIA DEGLI ATTREZZI DELLE INSEGNANTI PER CRESCERE BAMBINI BENTRATTATI

di

In continuità con il percorso formativo realizzato nel corso della precedente annualità all’interno del progetto INVIOLABILI, è stato organizzato un ciclo di...

TUTTO PASSA PER IL GIOCO, ANCHE LA PREVENZIONE

di

Il progetto INVIOLABILI, nelle sue azioni di prevenzione, ha il compito di portare non solo contenuti di formazione e informazione nei territori,...