Formazione S.O.S: Elena Biaggioni e la tutela legale delle orfane e degli orfani di femminicidio

di

L’avvocata Elena Biaggioni, vicepresidente di D.i.Re, la Rete nazionale antiviolenza, ha tenuto due lezioni del nuovo ciclo di formazione sulla tutela legale degli orfani e delle orfane di femminicidio del progetto S.O.S.

L’avvocata, che da anni accompagna le donne che hanno subìto violenza nei percorsi giudiziari, ha illustrato le innovazioni e le tutele introdotte dalla legge 4 del 2018. Una legge unica in Europa, ha ricordato, che agevola la vita di chi resta dopo un femminicidio. Ma ha inoltre focalizzato l’attenzione sulla necessità di far emergere, nell’azione giudiziaria, la violenza subìta dalle donne prima del femminicidio, conoscerne la dinamica e darne una corretta rappresentazione.  Un approccio che aiuta anche chi sopravvive, che spesso ha assistito a quelle violenze, a ricostruire la propria storia e quella della loro madre.

Alle due lezioni che si sono tenute al Centro S.O.S. di Torino hanno partecipato avvocate e operatrici dei centri antiviolenza di Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta le tre regioni coinvolte dal progetto dedicato al sostegno degli orfani di femminicidio.

Prossimi incontri della formazione legale il 22 febbraio e 23 febbraio con l’avvocata torinese Assunta Confente esperta in diritto di famiglia e tutela dei minori.

Ti potrebbe interessare

Le parole che fanno la differenza

di

La scuola italiana non è amica delle bambine. Ne è una prova la ricerca sui libri di testo per le elementari presentata...

Progetto Sostegno Orfani Speciali: iniziata la formazione

di

A fine 2020 erano 48 gli orfani e le orfane di femminicidio, figli e figlie delle 28 donne uccise in Piemonte, Liguria...

S.O.S per la comunità educante. Da febbraio la formazione

di

Insegnare a riconoscere la violenza di genere nelle sue diverse forme, il sessismo che si nasconde in tante parole, a riflettere sul...