Laboratorio Impariamo e lockdown: storie di cambiamento

di

L’improvvisa chiusura delle scuole a febbraio e l’avvio del lockdown hanno costretto giovani e famiglie nelle loro abitazioni, stravolgendo la loro routine quotidiana da tutti i punti di vista. Il laboratorio Impariamo ha dovuto velocemente riadattarsi.


Interruzione delle lezioni, della socialità, della possibilità di movimento e di stare all’aria aperta: questa la sfida del lockdown. “Il laboratorio Impariamo ha dovuto velocemente riadattarsi, ripartendo dagli obiettivi che lo caratterizzano: potenziare le abilità e competenze didattiche senza tralasciare la parte laboratoriale dedicata al lavoro sulle emozioni, sulla partecipazione e sulla cittadinanza“, ci riporta Giulia Politi della Fondazione L’Albero della Vita, Educatrice OpenSpace a Milano.

La fase di potenziamento didattico è stata quindi rimodulata su interventi one-to-one attraverso videochiamate whatsapp. Con l’introduzione di 30 minuti dedicati ad una materia e un compito a scelta, ragazzi e ragazze hanno avuto modo di migliorare le proprie capacità organizzative (puntualità, scelta della materia su cui lavorare, invio delle foto delle pagine da studiare e degli esercizi) e di rafforzare la propria autostima lavorando sulle proprie esigenze specifiche, in alcuni casi anche in accordo e con la collaborazione degli insegnanti di sostegno. Al potenziamento scolastico, inoltre, è stato affiancato, in continuità con quanto svolto in presenza, un lavoro trasversale di conoscenza, nominalizzazione e gestione delle emozioni.

L’introduzione dei compiti a distanza ha permesso non solo di svolgere un lavoro mirato in base alle esigenze di ogni ragazzo e ragazza, ma anche di garantire una continuità con le attività settimanali svolte in presenza. Questo momento ha permesso di entrare in contatto direttamente con le famiglie, nella fase organizzativa e di adesione, e di instaurare con loro una collaborazione rispetto alla partecipazione dei giovani agli incontri. Tutto ciò ha portato ad un coinvolgimento attivo dei genitori nella partecipazione alle uscite didattiche, un coinvolgimento e una relazione finora impossibili.

“Vi ringrazio molto per aver aiutato mio figlio perché lui è molto timido e io non parlo bene italiano e non so aiutarlo. Lui non ha amici, anche prima del lockdown non usciva mai. Studiare con voi gli ha dato coraggio. E’ stato bello partecipare all’uscita didattica insieme a mio figlio in giro per la città, perché stiamo sempre in casa. Grazie davvero per quello che state facendo.” (Riferisce una mamma alle educatrici OpenSpace)


Ragazzi e ragazze hanno mostrato una sempre maggiore puntualità e presenza, condividendo gradualmente i loro vissuti personali e nominalizzando le proprie emozioni:

Mi manca fare casino con i compagni e anche le prof che si arrabbiano

A casa sto sempre da solo e mi annoio, non ho il numero di telefono dei miei compagni

In questo periodo sto pensando a quanto mi manca la natura, non ci avrei mai pensato perché prima neanche mi accorgevo degli alberi

Mi manca stare con i nonni e anche con gli zii

Mi sento triste perché non so più fare esercizi di matematica che prima sapevo fare e non mi ricordo più nulla

Sono triste perché i telegiornali trasmettono continuamente notizie angoscianti e ho paura.


In questi mesi, giovani e adulti hanno partecipato anche alle puntate di RadioIncolla, registrando alcuni audio e condividendo pensieri, speranze e desideri futuri. A partire dal mese di giugno, inoltre, sono stati introdotti incontri di gruppo tramite la piattaforma Zoom, permettendo a studenti e studentesse di “rivedersi” e “raccontarsi” online a partire dalle ultime settimane di scuola. Per i diplomandi di terza media è stata un’occasione per ripetere a compagni e compagne la propria tesina d’esame e vincere l’emozione della ripetizione in pubblico, ma anche di celebrare poi insieme la promozione. Per tutti è stata l’occasione per riabituarsi gradualmente alla socialità, in uno spazio protetto, in quanto molti di loro sono rimasti a casa a lungo anche dopo la riapertura.

Nuove uscite didattiche aperte ai genitori avranno luogo anche durante la programmazione estiva delle attività potenziamento didattico. Le uscite, nel rispetto del distanziamento e delle regole di prevenzione, permetteranno ai ragazzi di riassaporare l’entusiasmo delle gite. Nel mese di luglio sono previsti incontri presso il Castello Sforzesco, Parco Sempione, bosco verticale e Piazza Gae Aulenti. Per il mese di agosto e settembre, invece, sono in programma la visita al Mudec e l’esperienza al Parco avventura di Corvetto.

scuole-lockdown-laboratorio-impariamo

“OpenSpace durante questo periodo è stato molto utile per me perché mi siete stati d’aiuto per fare i compiti e sentirmi meno solo. Grazie al vostro aiuto sono andato avanti e sono stato bene.” (Riferisce un giovane partecipante alle educatrici OpenSpace)

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Una promessa di felicità: il teatro “fatto in casa” dai ragazzi

di

Il teatro è l’arte dei corpi e della relazione, l’arte della presenza: cosa resta dunque del teatro quando siamo costretti alla distanza...

Un fab lab per progettare il cambiamento

di

“La scienza si occupa del mondo com’è, mentre il design esplora come potrebbe essere” [Herbert Alexander Simon (1016-2001), accademico e premio Nobel]....

A scuola di inclusione con l’Intelligenza Artificiale

di

Dopo il successo degli scorsi webinar, gli incontri virtuali con gli insegnanti della rete OpenSPACE proseguono. Martedì 31 marzo è stata la...