Al Villaggio si allena la castelbuonesità

di

A Castelbuono, un paese di quasi novemila abitanti della città metropolitana di Palermo, oltre all’udito, alla vista, all’olfatto, al tatto e al gusto, i cittadini hanno sviluppato un altro senso: quello di appartenenza alla loro città o della “castelbuonesità” come lo chiamano loro.

Le origini di questo sentimento risalgono a poco più di cento anni fa, quando nel 1920 i cittadini castelbuonesi acquistarono all’asta il castello simbolo della città grazie a una colletta pubblica, diventando così il primo esempio di “bene comune” dell’isola.

Questa storia ci racconta del legame affettivo per il proprio territorio e della solidarietà che gli abitanti vogliono continuare a trasmettere alle bambine e ai bambini, anche dopo un secolo.

“Giocavo poco con i miei figli, l’unica cosa che facevo era montare le piste con mio figlio più piccolo. Quelle volte che coloravamo, ero in difficoltà nel gestirlo, non mi ascoltava e si creava confusione, un vero disastro” racconta Rosa, la mamma di Salvatore di 5 anni (ndr. I nomi sono di fantasia).

“Io mi sentivo frustrata. Ad un certo punto, dati i diversi casi di covid nella classe dell’asilo, mio figlio non ha più frequentato e avevo pensato di mandarlo da una maestra per iniziare a imparare qualche letterina, dato che deve andare in prima elementare, pensavo ne avesse bisogno ma l’ho mandato qualche volte e basta più”.

Ed è in questo momento che “la castelbuonesità” si è fatta sentire, perché essere legati al territorio, vuol dire essere legati ai propri compaesani e sviluppare un sentimento di protezione, scambio e sostegno reciproco e condividere.

E infatti, un’amica ha parlato a Rosa del Villaggio per Crescere a Castelbuono.

Grazie a un’amica ho scoperto il Villaggio. Qui ho trovato un posto per me e i miei figli. Il tempo vola in fretta, un’ora e mezza è poco!”, scherza Rosa.

Adesso mi sento serena e vedo che, anche se a casa abbiamo ancora qualche passo da fare, al Villaggio mio figlio è più tranquillo, anche con gli altri bambini e le altre bambine. Per me l’importante è che lui sia tranquillo e io ho trovato persone fondamentali che possono aiutarmi per qualsiasi cosa”.

Se il Villaggio fosse un animale sarebbe…
“Una farfalla, che si sposta da un fiore a un altro e che mi piacerebbe seguire in vari posti.”

Anche in questa risposta, Rosa ci fa sentire tutta la “castelbuonesità” che c’è in lei. Tutto l’amore e la dedizione che ha per il suo territorio e per le sue “ricchezze”, da seguire, tutelare e tramandare.

Se in passato i castelbuonesi hanno comprato un castello, adesso mettono a disposizione di piccoli e grandi un Villaggio.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Al museo con i piccolissimi? Si può fare!

di

𝟭𝟴 𝗺𝗮𝗴𝗴𝗶𝗼 𝗚𝗶𝗼𝗿𝗻𝗮𝘁𝗮 𝗜𝗻𝘁𝗲𝗿𝗻𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗮𝗹𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝗠𝘂𝘀𝗲𝗶 Ieri è uscito un report dell’Osservatorio Con i Bambini, a cura di Openpolis e Con i...

L’avvento del Villaggio. Dal Villaggio a casa

di

Anche quest’anno abbiamo deciso di accompagnarvi nel tempo che ci separa dalle feste natalizie: nei due anni passati abbiamo coinvolto sempre San...

Un Villaggio per Crescere a Palermo. Le alleanze che aiutano a Crescere

di

Tra le attività del nostro Villaggio ce n’è una importantissima che però è un po’ nascosta, non sempre sotto gli occhi di...