Concorso a premi per riconoscere e combattere gli stereotipi di genere

di

Dal primo luglio è partito il concorso a premi per insegnare a bambine/i e giovani a riconoscere e combattere gli stereotipi di genere che alimentano la violenza. Per sostenerli nella costruzione di relazioni basate sul rispetto e non sul potere. A lanciarlo il progetto S.O.S. – Sostegno Orfani Speciali nella convinzione che per fermare i femminicidi e favorire lo sviluppo di relazioni sociali ed affettive più equilibrate sia necessario capire da dove prende ossigeno la violenza, dalle sue radici culturali e sociali.

Il concorso è aperto ad operatori ed operatrici che lavorano in associazioni sportive e culturali, centri estivi, oratori di Piemonte e Valle d’Aosta. Possono aderire individualmente o in gruppo anche i genitori con figli e figlie fino a 13 anni. Chi vuole partecipare deve seguire un approfondimento gratuito di 4 ore sui temi che dovranno essere sviluppati negli elaborati: dalle diverse forme che può assumere la violenza all’equità di genere, dal sessismo linguistico al riconoscimento della visione stereotipata della donna. Le video lezioni tenute da operatrici e psicologhe dei Centri Antiviolenza Emma, capofila del progetto SOS, saranno disponibili on line su una piattaforma dedicata 24h24.

Poesie, video, immagine, disegni, racconti etc, si può scegliere come partecipare al concorso che prevede premi fino a mille euro a seconda delle diverse sezioni. Gli elaborati dovranno essere consegnati entro le ore 18 del 29 settembre al Centro Sostegno Orfani Speciali di via Nota 5 a Torino dove a novembre si terrà la premiazione. Ai primi 200 lavori che arriveranno sarà riconosciuto un Voucher da 10 euro.

Per prendere visione di modulistica e regolamento, clicca qui

IN PIEMONTE E in VALLE D’AOSTA CONCORSO A PREMI per riconoscere e combattere gli stereotipi di genere

Ti potrebbe interessare

Paternità e maternità: modelli da reinventare

di

Si è tenuto a Torino un nuovo incontro di formazione del Progetto S.O.S. Sostegno Orfani Speciali. Giovanna Zitiello, coordinatrice del centro antiviolenza...

Orfani di femminicidio: incontro con la Ministra Lamorgese

di

Creare un’anagrafe ed un osservatorio nazionale degli orfani e delle orfane di femminicidi. E’ una delle proposte presentate alla Ministra dell’Interno Luciana...

Il grido di un orfano di femminicidio: “l’aiuto deve essere immediato”

di

All’inaugurazione del Centro S.O.S. Sostegno Orfani Speciali ci sarà anche il dottor Giuseppe Delmonte. Aveva 18 anni quando suo padre uccise sua...