Progetto Sostegno Orfani Speciali: iniziata la formazione

di

A fine 2020 erano 48 gli orfani e le orfane di femminicidio, figli e figlie delle 28 donne uccise in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Dall’indagine commissionata all’Eures per il progetto S.O.S. Sostegno Orfani Speciali emerge che una metà ha tra i 16 e 21 anni, l’altra tra i 6 e 15 anni. Due fasce con esigenze e aspettative molto diverse.

Per offrire un sostegno personalizzato ai beneficiari e alle beneficiarie il progetto, finanziato con il bando a Braccia Aperte da Impresa Sociale Con i Bambini, investe molto sulla preparazione delle équipe multidisciplinari che li seguiranno. Nei 4 anni previsti sono 379 le ore di formazione dedicate alle operatrici dei centri antiviolenza e alla comunità educante. Più di un terzo incentrato sulla gestione del trauma e le sue implicazioni.

Il primo modulo si è svolto a Torino a fine dicembre ed è stato guidato da Camillo Regalia e Chiara Ionio, docenti dell’Università Sacro Cuore di Milano e dalle docenti Donatella Cavanna e Fabiola Bizzi dell’Università di Genova.

Altri moduli di formazione saranno dedicati alla costruzione sociale dell’identità di genere, alla relazione uomo-donna, alle connessioni amore-violenza, alla prevenzione e valutazione del rischio. Alla conoscenza degli aspetti giuridici e legali. Moduli che si avvarranno ognuno del contributo di tanti/e esperti/e.

La formazione coinvolgerà una cinquantina di professionisti in ognuna delle tre regioni: operatori e operatrici dei centri antiviolenza, dei servizi sociali delle Asl, dei Tribunali degli Uffici Scolastici. Professionisti che a loro volta diventeranno un punto di riferimento per altri/e operatori/operatrici della rete antiviolenza come ha ricordato durante il primo incontro Anna Zucca la presidente dei Centri Antiviolenza E.M.M.A., capofila del progetto.

Oltre a garantire un sostegno concreto agli orfani e alle orfane di femminicidio e contribuire a costruire un sistema per la loro presa in carico, il progetto vuole anche far crescere la consapevolezza sulle conseguenze umane e sociali dei femminicidi e sulle radici culturali della violenza maschile sulle donne.

(video a cura di Milena Boccadoro)

Ti potrebbe interessare

Le parole della formazione

di

Si è tenuto a Torino il secondo modulo di formazione dedicato all’identità di genere e al trauma organizzato nell’ambito del progetto S.O.S....

Perché S.O.S. Sostegno Orfani Speciali

di

Di Anna Maria Zucca Presidente Centri Antiviolenza E.M.M.A. onlus Il progetto S.O.S. – Sostegno Orfani Speciali è dedicato ad Anna Costanza Baldry...

Libri di scuola, bambine e discriminazioni

di

Marco gioca al parco, Giulia in casa. Marco è avventuroso, Giulia paurosa. Sono così i protagonisti di tante delle storie raccontate nei...