Progetto Sostegno Orfani Speciali: iniziata la formazione

di

A fine 2020 erano 48 gli orfani e le orfane di femminicidio, figli e figlie delle 28 donne uccise in Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Dall’indagine commissionata all’Eures per il progetto S.O.S. Sostegno Orfani Speciali emerge che una metà ha tra i 16 e 21 anni, l’altra tra i 6 e 15 anni. Due fasce con esigenze e aspettative molto diverse.

Per offrire un sostegno personalizzato ai beneficiari e alle beneficiarie il progetto, finanziato con il bando a Braccia Aperte da Impresa Sociale Con i Bambini, investe molto sulla preparazione delle équipe multidisciplinari che li seguiranno. Nei 4 anni previsti sono 379 le ore di formazione dedicate alle operatrici dei centri antiviolenza e alla comunità educante. Più di un terzo incentrato sulla gestione del trauma e le sue implicazioni.

Il primo modulo si è svolto a Torino a fine dicembre ed è stato guidato da Camillo Regalia e Chiara Ionio, docenti dell’Università Sacro Cuore di Milano e dalle docenti Donatella Cavanna e Fabiola Bizzi dell’Università di Genova.

Altri moduli di formazione saranno dedicati alla costruzione sociale dell’identità di genere, alla relazione uomo-donna, alle connessioni amore-violenza, alla prevenzione e valutazione del rischio. Alla conoscenza degli aspetti giuridici e legali. Moduli che si avvarranno ognuno del contributo di tanti/e esperti/e.

La formazione coinvolgerà una cinquantina di professionisti in ognuna delle tre regioni: operatori e operatrici dei centri antiviolenza, dei servizi sociali delle Asl, dei Tribunali degli Uffici Scolastici. Professionisti che a loro volta diventeranno un punto di riferimento per altri/e operatori/operatrici della rete antiviolenza come ha ricordato durante il primo incontro Anna Zucca la presidente dei Centri Antiviolenza E.M.M.A., capofila del progetto.

Oltre a garantire un sostegno concreto agli orfani e alle orfane di femminicidio e contribuire a costruire un sistema per la loro presa in carico, il progetto vuole anche far crescere la consapevolezza sulle conseguenze umane e sociali dei femminicidi e sulle radici culturali della violenza maschile sulle donne.

(video a cura di Milena Boccadoro)

Ti potrebbe interessare

Un progetto di cura e prevenzione

di

Aiutare gli orfani e le orfane di femminicidio a superare il trauma e il dolore, costruire reti di professionisti capaci di riconoscere...

Il cerchio della violenza

di

Dà voce alle donne e madri vittime di femminicidio Silvana Allasia nella lettera inviata al quotidiano La Repubblica in occasione della Festa...

S.O.S. al Salone del Libro di Torino

di

S.O.S al salone del Libro di Torino, una esperienza molto positiva. Tante le persone che hanno chiesto informazioni allo Stand dei Centri...