ScarpeDiem: sciogliamo i nodi del conflitto!

di

Quando i nodi vengono al pettine non resta che rimanere calmi e pensare a come scioglierli! Sì, scioglierli!! E non semplicemente prendendo in mano la forbice e tagliando i fili! Sappiamo che se il nodo è molto aggrovigliato, ci vuole ancor più fantasia, coraggio e pazienza. Ecco gli ingredienti che noi educatori di Scarpe Diem abbiamo portato in una classe di prima media presso un istituto della provincia di Rovigo.

A detta degli insegnanti si tratta di una classe particolarmente difficile: un concentrato di relazioni conflittuali tra gli studenti. Un vissuto dove i ragazzi si percepiscono non solo differenti ma di serie A e di serie B, dimentichi che sono intrecciati dello stesso tessuto. La grammatura del filato è il bisogno di sentirsi guardati e non giudicati, riconosciuti nella propria bellezza, ascoltati nelle proprie fragilità, accompagnati ad immaginare orizzonti possibili!

Sono ragazzi di 11 anni che abitano la scuola ed a volte respirano molte emozioni negative. La sensazione è che non ci sia la capacità di rispettarsi gli uni e gli altri, di vedersi come pari e fra pari.

Con il progetto Scarpe Diem abbiamo iniziato a sciogliere questi nodi, incoraggiando i ragazzi in primis a s-nodarsi! Sperimentare prossimità, conoscenza reciproca, solidarietà e bellezza nello stare assieme.

Abbiamo mosso piccoli passi, avvalendoci di strumenti educativi: lo Human bingo, la Molecola dell’identità, I pugni con le parole e i gesti che feriscono, Le mani aperte con le parole e i gesti che curano.

Il lavoro di tessitura è solo iniziato, e gli insegnanti con il nostro aiuto stanno restituendo a questi 11enni il desiderio e il potere di diventare una tela color arcobaleno.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Cercando il Nord. Bussole inclusive

di

Anche per “Tangram” le attività di S-carpe diem nell’area di Vicenza procedono a passo spedito. Il 2018 si è concluso avviando alcuni...

Marciliana Lab: storia, bellezza e partecipAzione

di

CONNESSIONI! Le connessioni tra generazioni, sono il motore che traghetterà la tradizione verso il futuro. Proprio da questo assunto è partita l’idea...

L’educatore: un viaggiatore nell’umano e per questo viaggiatore nella speranza

di

Il contrasto alla povertà educativa inizia quando noi educatori ci mettiamo in viaggio, lasciando le “sponde sicure” quello che sappiamo per scoprire...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK