La testimonianza di Rosetta, nonna-mamma di 4 orfani speciali

di

“Stai tranquilla, non lo farà mai, sono la mamma dei suoi bambini” cosi diceva Mary Cirillo alla mamma Rosetta, preoccupata per l’incolumità della figlia, a cui il marito già due volte aveva puntato una pistola alla tempia.
E invece l’ha fatto.
Il 19 agosto del 2014 a Monasterace (Reggio Calabria) Mary Cirillo viene uccisa dal marito con due colpi di pistola.
Madre di 4 figli, viene ritrovata in casa esanime dalla figlia più grande di 10 anni.
I bambini, di cui il più piccolo di appena 2 anni, sono gravemente traumatizzati, e vengono affidati alla nonna Rosetta, che se ne prende cura con tutto l’affetto e l’energia possibile, ma, come testimonia in questa intervista, “non ho mai avuto l’aiuto di nessuno, dopo i primi giorni in cui polizia e assistenti sociali erano sempre qui, tutti si sono dimenticati di noi.”.
La famiglia di Rosetta è ora una delle famiglie che viene seguita psicologicamente e legalmente dal progetto Respiro, grazie all’ Associazione Sinapsi , partner del progetto in Calabria
Ascolta la testimonianza di Rosetta Origlia

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Una formazione partecipativa in favore degli orfani speciali

di

Dalla violenza contro le donne ai rischi della violenza assistita dai bambini, dai traumi degli orfani speciali agli interventi di natura psicosociale...

Parte anche in Calabria il progetto per gli orfani speciali

di

Fare rete, lavorare concretamente a realizzare un percorso di aiuto efficace per  bambini rimasti orfani di un genitore perdendo contemporaneamente anche l’altro....

Non muoio, vado dai miei figli

di

Ci sono tanti modi di essere orfani di femminicidio, a volte lo si può diventare anche se entrambi i genitori sono in...