ESSERE ED INSEGNARE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

di

Le attività del progetto “Piccoli che Valgono!” sono proseguite anche durante la quarantena e il 23 marzo l’Associazione Il Timone ha realizzato un incontro online rivolto agli insegnanti della scuola primaria e secondaria di primo grado dell’Istituto Sansepolcro, in modo da fornire spunti di riflessione e strumenti pratici per riorganizzare positivamente la propria vita e il rapporto con gli alunni.

La relatrice, la psicologa e psicoterapeuta Gaia Luzzi, che fa parte degli esperti del progetto, aveva già condotto a febbraio due incontri su un argomento che era stato suggerito dagli insegnanti: la competenza emotiva dei bambini e dei ragazzi preadolescenti.

Il tema dell’appuntamento di marzo era “Essere ed insegnare ai tempi del Coronavirus”. Dopo un’introduzione del concetto di disastro collettivo e del trauma che ne può derivare, il focus dell’incontro si è posto sulle varie risposte emotive e sulle conseguenti strategie positive e negative che possono essere attivate da ciascuno. La seconda parte, psicoeducazione per insegnanti, è stata dedicata a come comunicare con i bambini e i ragazzi, quali informazioni dare e come mantenere un contatto anche oltre la didattica.

All’incontro, durato due ore, hanno partecipato 62 insegnanti.

 

Piccoli che Valgono!” è un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile promosso da Mani Tese insieme ad altri partner.

Regioni

Ti potrebbe interessare

IMPROVVISANDO SI IMPARA A CONOSCERSI

di

di Caterina Casini Nelle attività del progetto “Piccoli che Valgono!”, quest’anno, l’Associazione Il Timone ha applicato le tecniche teatrali ai temi specifici...

ALLA SCOPERTA DELLE MIE RADICI

di

Il periodo storico che stiamo affrontando sta mutando le abitudini e le dinamiche familiari a cui ormai eravamo abituati. Immersi in vite frenetiche, le nostre abitazioni si...

COME STANNO I BAMBINI E LE BAMBINE?

di

L’abbandono scolastico è il risultato di un disagio che spesso comincia in famiglia e nella scuola primaria. Dopo il Covid, questo fenomeno...