Report Assemblea: Non mi abbandonare!

di

Obiettivo della sessione

Comprendere quali azioni interne ed esterne alla scuola devono essere messe in atto per contrastare l’abbandono scolastico e intercettare i giovani che sono fuori dal “radar” delle scuole e degli attori territoriali.

Partecipanti

Rappresentanti partner: 2; operatore/trice: 1; docenti: 2; dirigente: 3; enti locali: 3.

Proposte emerse

Azioni del MINISTERO dell’istruzione

  • Allocare risorse per introdurre nelle scuole una figura psicopedagogica (insegnanti con distacco, destinate a questo e opportunamente formate) che si dedichi a comprendere i casi di abbandono e come affrontarli, anche in rapporto con le famiglie; che mantenga rapporti stabili con servizi sociali e altri enti del territorio. L’introduzione di queste figure deve essere in aggiunta rispetto all’organico esistente. In termini quantitativi si ritiene adeguata 1 persona per un bacino di ca. 1.000 studenti.
  • Creare in seno agli Uffici Scolastici Regionali degli osservatori su dispersione e abbandono scolastico [che coordinano e indirizzano l’azione delle figure psicopedagogiche sopra indicate]
  • Contrastare la segregazione scolastica, mediante protocolli di inclusione che distribuiscano in modo più equilibrato gli studenti/tesse in situazione di difficoltà
  • Introdurre l’obbligo almeno per l’ultimo anno della scuola dell’infanzia
  • Favorire la permeabilità tra scuole per consentire il riorientamento in corso d’anno (con un’attenzione specifica per i/le giovani con disabilità, in primis riducendo l’obbligo di riempimento delle classi
  • Promuovere delle indagini quantitative e/o qualitative  sul tema della dispersione e dell’abbandono per orientare al meglio le azioni di prevenzione e contrasto

Azioni dei COMUNI/ ENTI LOCALI

  • Creazione di una rete educativa territoriale
  • Protocollo di intesa tra Garante infanzia e adolescenza con USR per monitorare la situazione degli abbandoni
  • Promuovere delle indagini di monitoraggio presso le scuole, per orientare le azioni di contrasto alla dispersione e all’abbandono
  • Rafforzare l’educativa di strada [per intercettare i/le giovani che hanno abbandonato la scuola]
  • Potenziare i servizi sociali territoriali
  • Indirizzare l’azione dei servizi sociali territoriali nella prevenzione e contrasto dell’abbandono [cfr. progetti personalizzati di presa in carico del Reddito di Cittadinanza]
  • Accompagnare le famiglie nel rafforzamento delle competenze genitoriali per motivare i/le figli/e
  • Anagrafe comunale/ locale di coloro che sono in obbligo formativo

Azioni SCUOLE + TERZO SETTORE

  • Promuovere attività, inserite nel curriculum, che motivano particolarmente i giovani (ad es. Idee in azione). Le dimensioni del lavoro di gruppo e del protagonismo attivo sono particolarmente efficaci nel prevenire la dispersione e l’abbandono.
  • Creare all’interno delle scuole delle equipe multidisciplinari (insegnati, educatori, psicologi), finanziate con progetti ad hoc, da sperimentare come modello da essere messo a sistema, finalizzate ad intercettare, prevenire e contrastare l’abbandono scolastico.
  • Promuovere dei progetti che gestiscano le fasi in cui i/le giovani sono fuori dalla scuola (progetti “ponte”)
  • Promuovere attività di supporto psicologico dei/le ragazzi/e

Azioni SCUOLE

  • Per le secondarie di secondo grado sarebbe importante, ad inizio anno, avere delle informazioni sugli/le iscritte dalle scuole secondarie di primo grado da cui provengono i ragazzi, con segnalazione delle situazioni più difficili, poiché sicuramente la difficile frequenza già si manifesta nella media.
  • Ampliare i tempi e gli spazi di confronto tra scuola e famiglia, anche per allineare le aspettative sul futuro

Azioni delle FAMIGLIE

  • Rafforzamento delle competenze genitoriali per motivare i/le figli/e

Non mi abbandonare

Ti potrebbe interessare

Nel quartiere a (s)passo uno se ne va…

di

A Rogoredo c’è una super eroina, una glim girl con le mani da geco, che salva i bambini dallo spaccio di droga....

La scuola in emergenza fa rete a distanza

di

È passato un po’ di tempo dal primo webinar che ha coinvolto i docenti del progetto OpenSPACE. Era il 13 marzo e...

Le persone che fanno la scuola non sono viaggiatori in metropolitana

di

Come scriveva Tullio de Mauro qualche anno fa (Buona la scuola se eccelle chi insegna, Internazionale, 2016) per intendere la scuola “bisogna...