Ripartono le attività sportive all’Istituto Comprensivo di Sedico-Sospirolo

di

Fonte sito web: www.pxhere.com

Sono ripartiti il 30 novembre scorso i laboratori sportivi presso l’Istituto Comprensivo di Sedico-Sospirolo grazie al prezioso lavoro di Cristian De Moliner, presidente dell’ASD SEDICO SPORT ACADEMY, e del suo team, nel rispetto delle disposizioni nazionali e regionali per il contrasto al coronavirus.

Lo sport fa bene alla salute, aiuta i bambini “a sviluppare l’apparato osseo, a mantenere sotto controllo il peso, a migliorare la circolazione e a irrobustire l’intero organismo, prevenendo le malattie”. Ma non solo, contribuisce a sviluppare le abilità sociali, la capacità di concentrazione e di coordinamento.
In Italia “quasi 2 milioni di bambini e ragazzi non praticano sport né attività fisica” ed esiste una correlazione tra “l’inattività fisica dei figli e quella dei genitori. Sono soprattutto i giovani i cui genitori dichiarano di non praticare sport né attività fisica ad avere uno stile di vita sedentario: 47,9% se entrambi genitori sono sedentari contro 9,8% se nessuno dei genitori lo è” (dati Istat 2017-2018). Ad incidere negativamente è anche il livello di istruzione e le condizioni socio-economiche delle famiglie, che a causa della pandemia mondiale si sono ulteriormente aggravate.
Il corpo umano ha bisogno del movimento, una regolare attività fisica contribuisce a ridurre il rischio di patologie e ha effetti positivi sulla salute psichica della persona.

L’Asd Sedico Sport Academy sostiene e promuove la cultura sportiva come occasione di crescita sociale e culturale, e come fonte di benessere psicofisico per l’individuo.
Nel corso del primo anno di progetto sono stati coinvolti circa 400 bambini dai 6 anni in su, che nel corso delle lezioni proposte hanno sperimentato anche “l’allenamento visuo-motorio” – metodo SVTA – interessante attività motoria generale con i classici strumenti didattici sportivi abbinata ad un lavoro con dei pannelli colorati mirante allo sviluppo dell’attenzione e della concentrazione.
La peculiarità del metodo SVTA è quella di adattarsi, con semplicità, ad ogni pratica sportiva; con la possibilità di intervenire per stimolare ed allenare varie aree di coordinazione e varie abilità visive (dalla visione periferica alla precisione di valutazione di un oggetto in movimento; dalla coordinazione occhi/mano e occhi/piedi). Questo per vari gradi di difficoltà e quindi per varie fasce d’età e di impegno sportivo”.
Fondamentale è ed è stato lo scambio di riflessioni e il dialogo continuo con gli insegnanti delle scuole partner, dialogo indispensabile per comprendere e individuare le affinità tra le difficoltà di alcuni alunni in ambito scolastico e quelle ai pannelli colorati dei laboratori sportivi. Questo contribuisce a favorire un miglior supporto all’allievo, valorizzando in tal modo il ruolo della scuola come luogo di apprendimento.

Regioni

Ti potrebbe interessare

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE PER ALUNNI BES per una scuola INCLUSIVA

di

L’intervento a scuola con alunni con bisogni educativi speciali Ha avuto inizio il 18 maggio scorso il Corso di Specializzazione dal titolo...

INAUGURATO IL LABORATORIO DI ROBOTICA A SEREN DEL GRAPPA

di

Sabato 23 novembre 2019 presso la Scuola secondaria di primo grado di Seren del Grappa, alla presenza del Tib Teatro, capofila del...

Incontro online “BUONE PRATICHE EDUCATIVE A BELLUNO” – 8 Giugno 2021

di

In occasione dei due anni di attività il progetto «Luoghi e Nonluoghi – i bambini abitano il territorio» si racconta alla comunità....