Net-work in progress: un evento per il futuro della Scuola del Contadino

di

Realtà del terzo settore, aziende agricole, operatori di progetto, famiglie, ragazzi e istituzioni. Erano tutti presenti, il 1 dicembre 2022, all’agriturismo l’ Antico Leccio di Gioia del Colle, per discutere il “modello” de La scuola del Contadino e immaginarne il suo futuro.
Finanziato dalla Fondazione “Con i Bambini” nell’ambito del fondo per il contrasto alla povertà minorile e operativo da oltre due anni sul territorio di Gioia del Colle, il progetto ha dato vita alla prima scuola gratuita contadina del Sud Italia, finalizzata ad offrire occasioni educative e formative alternative a giovani con disabilità, bisogni educativi speciali e disturbi di apprendimento, attraverso un “sano ritorno alla terra”.

I tre appuntamenti della giornata (dal confronto tra gli operatori di progetto al mattino, a quello con le aziende agricole e le realtà del terzo settore a seguire), hanno avuto un momento centrale nel pomeriggio, alla presenza dell’assessore regionale al welfare Rosa Barone, del dirigente regionale del settore agricoltura Luigi Trotta, del dipartimento di Scienze Politiche dell’Università di Bari (Prof.Moro e Prof.ssa Girardi). Al tavolo anche altre importanti istituzioni locali come il Gal Terra dei Trulli e del Barsento, gli istituti scolastici Canudo – Marone e Galilei (dirigente Giovanna Cancellara), il comune di Gioia del Colle nella persona dell‘assessore ai servizi sociali Giovanna Pontiggia, il referente di progetto Giovanni Barnaba.
L’ obiettivo comune della “maratona contadina” Net-work in Progress, lanciato dalla Cooperativa Tracceverdi capofila di progetto e accolto da tutti i partner, quello di concentrarsi sulla sostenibilità del progetto e sulla creazione di un network, nell’ottica di una replicabilità del modello anche in altri territori.

Tra l’analisi delle criticità che il settore agricolo si trova a vivere sul piano della redditività e del ricambio generazionale, ma anche a partire dalle potenzialità dell’agricoltura sociale, la Scuola del Contadino è stata da tutti accolta come un’opportunità importante per “dare autonomia ai ragazzi speciali, ma non solo a loro: perché l’autonomia è un bisogno di tutti noi“, come dice l’assessore Barone.

A chiudere la giornata, il “buffet contadino”, offerto dai partner di progetto, che ha fatto da cornice alla firma del modulo di adesione al Network La Scuola del Contadino da parte dei presenti. Un Network, quello Contadino, che rappresenta una solida rete di istituzioni, aziende agricole, enti del terzo settore e non solo; aperta ad accogliere le realtà che hanno voglia di condividere emozioni ed intenzioni e crescere insieme.

L’impegno è quello, ora, di cercare insieme le linee di finanziamento giuste per dare continuità ad un progetto che si è rivelato davvero generatore di ben-essere.

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

I laboratori sensoriali de La Scuola del Contadino

di

La natura è contatto, odori, sapori e da veri contadini bisogna essere pronti ad utilizzare al meglio i cinque sensi per riconoscere...

Vasi decorati per le piantine di pomodoro de La Scuola del Contadino

di

Il momento del trapianto di una piantina di pomodoro, dall’orto ad un vaso, è delicato. La pianta deve acclimatarsi in un ambiente...

Net-work in progress: confronti, riflessioni e futuro de La Scuola del Contadino

di

Ci prepariamo a “Net-work in progress”, un evento speciale previsto per domani, 1° dicembre. La manifestazione si articolerà in tre momenti: si...