Città dei Bambini di Misilmeri, incontri psico-educativi online sui Disturbi dell’apprendimento

di

Un ciclo di 5 incontri psico-educativi online sui Disturbi dell’apprendimento: a cura della psicologa Chiara Enea (“Centro Studi “Metaintelligenze Onlus” di Palermo), si è svolto nell’ambito del progetto “La Città dei Bambini di Misilmeri”.

«I Disturbi dell’Apprendimento hanno ricevuto, soprattutto negli ultimi anni, molta attenzione sia da parte degli specialisti che se ne occupano, sia da parte delle famiglie i cui figli intraprendono la carriera scolastica, che degli insegnanti (Lo Presti, 2015; Vio, Lo Presti e Tressoldi, 2012)- afferma Chiara Enea- Poco interesse è stato invece dimostrato per quelle che sono le competenze precoci che il bambino deve sviluppare perché si possa escludere, quasi con certezza, la presenza e il futuro manifestarsi di un DSA. Prima dei sette anni di età, in cui è possibile rilevare la presenza di un Disturbo Specifico dell’Apprendimento, possono essere, infatti, identificati i prerequisiti per lo sviluppo dell’abilità di letto-scrittura, calcolo e comprensione del testo. Conoscere precocemente le competenze cognitive, linguistiche ed emotive non del tutto acquisite dal bambino non permette di effettuare una diagnosi prima del tempo, ma consente di attuare una serie di misure atte a potenziare le lacune evidenziate (D.Lgs.170/2010; D.M.5669/2011)».

Inoltre, la psicologa- esperta appunto in DSA e disabilità nell’apprendimento dello sviluppo- aggiunge: «Per questo motivo la scuola, ed in particolare la scuola dell’infanzia, riveste un ruolo fondamentale in questa fase in cui azioni di potenziamento e stimolazione cognitiva, emotiva e linguistica riescono a catalizzare i processi evolutivi, permettendo ad alcune abilità apprendimento di emergere e consolidarsi. Ed è a seguito di queste premesse che ho pensato di proporre, all’interno del progetto “La Città dei Bambini”, un percorso di cinque incontri, dal titolo: “Le basi dell’Apprendimento – DSA e scuola dell’Infanzia”, attraverso cui far conoscere i DSA e fornire strumenti e metodologie utili a valutare precocemente le competenze che stanno alla base delle capacità di letto-scrittura, calcolo e comprensione del testo e consentano di intraprendere percorsi di potenziamento delle stesse».

«Nel primo incontro, dal titolo: “I DSA: CONOSCERLI E AFFRONTARLI”, ho presentato la macrocategoria dei Bisogni Educativi Speciali e mi sono soffermata su ciò che questa nuova realtà presente nella scuola italiana richiede agli insegnanti. Inoltre, ho presentato i Disturbi Specifici dell’Apprendimento ed in particolare: la Dislessia, la Disortografia, la Disgrafia e la Discalculia, descrivendo per ognuno le caratteristiche distintive, le aree cerebrali coinvolte, i modelli di sviluppo più accreditati e le tipologie di errori riscontrati più frequentemente».

«Nel secondo incontro, “I PREREQUISITI DELL’ ABILITÀ DI LETTURA”, ho presentato i prerequisiti dell’apprendimento in generale e successivamente mi sono soffermata sullo sviluppo dell’abilità di lettura, sui suoi prerequisiti e sul potenziamento degli stessi. Nel terzo incontro, dal titolo  “I PREREQUISITI DELL’ ABILITÀ DI SCRITTURA”, mi sono soffermata sullo sviluppo dell’abilità di scrittura, sui suoi prerequisiti e sul potenziamento degli stessi. Inoltre nel quarto incontro, “I PREREQUISITI DELL’ ABILITÀ DI CALCOLO”, mi sono soffermata appunto sullo sviluppo dell’abilità di calcolo, sui suoi prerequisiti e sul potenziamento degli stessi. Infine, nel quinto incontro ho presentato l’abilità di comprensione del testo, i suoi prerequisiti, il potenziamento degli stessi e il Disturbo ad essa correlato”.

Il progetto “La città dei Bambini” è stato selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Realizzato nell’omonimo Polo educativo per l’Infanzia di Misilmeri, ha come capofila la cooperativa sociale “Libera…mente” e vede coinvolti tra i vari partner anche il Comune di Misilmeri e la Direzione didattica statale “Salvatore Traina”.

Il tutto sotto la supervisione di Genì Fontana, direttrice del Polo educativo per l’infanzia “La città dei Bambini”, Francesco Albano (responsabile del progetto “La città dei Bambini” di Misilmeri) e Gaspare Carandino (presidente di “Libera…mente”, capofila del progetto).

Regioni

Ti potrebbe interessare

Città dei Bambini di Misilmeri, con il Presepe e Babbo Natale è qui la festa

di

I doni di Natale, il presepe, laboratori creativi, musica e canto. Sono solo alcuni esempi delle iniziativa natalizie realizzate in queste settimane...

Misilmeri, ecco alcune nozioni di primo soccorso su emorragie e traumi

di

Tra gli intervenuti nell'omonimo Polo educativo per l'Infanzia l’infermiere Agostino D’Agati e la soccorritrice e istruttrice di BLS-D Antonella Fortunati.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK