Città dei Bambini di Misilmeri, con il Presepe e Babbo Natale è qui la festa

di

I doni di Natale, il presepe, laboratori creativi, musica e canto. Sono solo alcuni esempi delle iniziativa natalizie realizzate in queste settimane presso la Città dei Bambini di Misilmeri.

Un’attività diversificata tra i bambini più “grandi”- vale a dire quelli della scuola dell’infanzia- e quelli più piccoli, cioè fino a due anni.

Nel primo ambito (quindi dai 3 ai 5 anni) si è svolto tra gli altri il  progetto “Il giardino dell’ora di religione”, già iniziato nei mesi scorsi e che ha avuto il suo culmine proprio nel periodo natalizio, quando i bimbi hanno colorato dei fiori già prestampati e vertenti su temi come ad esempio “L’Immacolata” e “La Creazione”.

L’iniziativa “Corona d’Avvento” si è svolta con 4 candele accese nelle rispettive settimane di dicembre, con momento collettivi di canti e preghiere.

Spazio pure a una lettura sulla nascita di Gesù e, sopratutto, alla realizzazione del presepe che ha coinvolto attivamente in più incontri i bambini durante i laboratori di riciclo creativo e di manipolazione dell’argilla.

Non poteva mancare la festa di Natale, con la recitazione in coro di una poesia natalizia, balletti in tema, un’esibizione sonora con percussioni e canto (all’interno del progetto “Musicando s’impara”).

Come detto, si sono svolte iniziative pure per i bimbi da 1 a tre anni. Ad esempio,  la realizzazione di addobbi e decorazioni per l’albero di Natale (con il “laboratorio di manipolazione” tramite pasta di sale, la pittura con colori a dita per i bimbi di un anno, mentre per i più grandi tramite legnetti e tappi di sughero).

Inoltre per i bimbi fino a un anno è stato effettuato un laboratorio di biscotti “mamma-bimbo”, con il ricorso a mattarelli per la pasta frolla e “formine”. Per i bimbi più “grandi”, invece, è andato in scena un laboratorio creativo di riciclo per realizzare un addobbo di Natale.

Il progetto “La città dei Bambini” è stato selezionato dalla Fondazione Impresa sociale “Con i bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Realizzato nell’omonimo Polo educativo per l’Infanzia di Misilmeri, ha come capofila la cooperativa sociale “Libera…mente” e vede coinvolti tra i vari partner anche il Comune di Misilmeri e la Direzione didattica statale “Salvatore Traina”.

Il tutto sotto la supervisione di Genì Fontana, direttrice del Polo educativo per l’infanzia “La città dei Bambini”, Francesco Albano (responsabile del progetto “La città dei Bambini” di Misilmeri) e Gaspare Carandino (presidente di “Libera…mente”, capofila del progetto).

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Città dei Bambini di Misilmeri, tra i partner principali c’è la Direzione Didattica “Traina”

di

Intervista al dirigente scolastico Salvatore Mazzamuto che spiega i motivi dell'adesione al progetto.

Città dei Bambini di Misilmeri, iniziativa di sensibilizzazione sull’autismo

di

Anche il polo per l’infanzia “La Città dei Bambini” di Misilmeri ha partecipato alla “Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo” con un’azione di...

“Città dei Bambini”, è qui la musica: ecco il laboratorio per lo sviluppo ritmico-motorio

di

Ad occuparsene è Daniele Lo Dico, violinista e docente di musica, grande appassionato di propedeutica musicale. Previsti dieci incontri per un gruppo di bambini fra i 3 e i 5 anni di età.

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK