Stimolare l’osservazione dei fenomeni naturali: al via le attività didattiche nella zona umida di Mola

di

Stimolare l'osservazione dei fenomeni naturali: le attività didattiche nella zona umida di Mola

Nei giorni scorsi alcuni ragazzi di Rio sono venuti in gita presso la Zona Umida di Mola (Capoliveri), nello spazio di comunità dell’Aula VerdeBlu “Giovanna Neri” cogestito dalle associazioni Legambiente Arcipelago Toscano e Diversamente Marinai, partner del progetto.

La pioggia lieve non ha impedito loro di visitare l’area, recentemente interessata da lavori di ripristino e riqualificazione ad opera del Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano, che stanno rendendo ancora più bello e prezioso questo luogo, di estremo interesse naturalistico, già designato come sito di importanza regionale (SIR), ma anche ZPS (Zona di Protezione Speciale) all’interno dell’europea Rete Natura 2000.
Una lettura critica degli “indizi“, raccolti collettivamente durante la passeggiata, ha consentito ai ragazzi di ripercorrere la storia recente di questo sito (cosa è stato, cosa sta diventando), ma anche di scoprire e rendersi conto dei piccoli/grandi fenomeni naturali e dei meccanismi di interrelazione che si verificano ogni giorno in questo prezioso scrigno di biodiversità: dai movimenti dell’acqua che alimenta i laghetti, allo spostamento di sabbia a causa delle correnti o per mano dell’uomo; dal destino dei piccoli pesci fino al comportamento degli uccelli acquatici e tanto altro ancora.
In generale, il senso della vista è stato sollecitato durante le attività esterne, in natura, che hanno voluto stimolare il più possibile la capacità di osservare e memorizzare i particolari.
Una seconda parte di attività si è svolta nell’aula didattica, dove si è parlato della Rete Natura 2000, dell’importanza di salvaguardare la biodiversità, della specificità della Zona Umida di Mola e del perché tutelarla sia considerato così importante.
Infine i ragazzi si sono cimentati nell’inventare due giochi di gruppo, adatti a due diverse fasce d’età, da svolgersi a Mola e che avessero come oggetto proprio la natura e gli abitanti della Zona Umida. A questo link, qualche foto di come è andato il pomeriggio.
Federica Andreucci
Legambiente Arcipelago Toscano

Regioni

Ti potrebbe interessare

Spirito di gruppo e sport: a Mola torna il canottaggio di mare

di

Per il secondo anno sono partiti i corsi di canottaggio riservati ai ragazzi dagli 11 ai 14 anni. Nella piana di Mola,...

Redazione digitale ragazzi: esperimenti narrativi durante la quarantena

di

La Redazione Ragazzi è uno dei progetti che sono nati durante la quarantena di L’Isola che c’è. Con alcuni ragazzi delle scuole...

Conferenza Stampa Inizia l’avventura sull’Isola d’Elba.

di

L’isola che c’è, conferenza stampa di presentazione FONDAZIONE LIVORNO un progetto per contrastare la povertà educativa minorile venerdì 31 maggio ore 11,30 presso...