La farfalla non scorda di essere stata bruco

di

Dopo lunghi mesi di cure e attenzioni, tanti bruchini sono diventati meravigliose farfalle. È la trasformazione il “cuore” della prima mostra gioco installazione, inaugurata a Firenze il 9 novembre. Le farfalle che si trasformano, nel colore, nella forma, nel materiale, in base ai materiali dell’installazione scelti di volta in volta dai bambini insieme ai loro genitori.

L’inaugurazione della mostra chiude un percorso bellissimo che ha coinvolto i bambini e le bambine dell’asilo nido di Firenze “La Giostra” e dell’infanzia dell’ICS La Pira di San Donnino, piccola frazione del comune di Campi Bisenzio, alle porte del capoluogo toscano: i piccoli e le loro famiglie hanno avuto la possibilità di partecipare nello scorso anno scolastico a atelier artistici gratuiti realizzati negli spazi delle scuole in orario extrascolastico dalle artiste del collettivo Zappa! Insieme a COSPE onlus. Zappa! nasce a Prato come laboratorio sociale in divenire, territorio in cui far convergere le idee e le competenze esterne, creare connessioni e trasformarle al suo interno, creando dei percorsi artistici e umani nuovi per coinvolgere tutti, dalla prima infanzia al mondo degli adulti: insieme a COSPE hanno ideato percorsi artistici per bambini piccoli, stimolando la loro manualità e fantasia per creare tanti mondi favolosi delle farfalle partendo dal bruco e dai bozzoli. Sono stati momenti preziosi per le famiglie che abitano contesti periferici complessi, che hanno potuto sperimentare la meraviglia dei colori e dei materiali là dove il grigio dei palazzi domina sulla visuale.

Il giorno dell’inaugurazione hanno partecipato oltre 80 persone tra mamme, babbi e bambini in età prescolare, insieme ai propri fratelli e/o sorelle e in alcuni casi anche i nonni. Il divertimento è stato enorme: nonni e genitori che insieme ai piccolissimi hanno giocato con il materiale messo a disposizione della mostra e creato tanti mondi delle farfalle, proiettandoli sulle pareti, sul soffitto, avendo la possibilità anche di entrare dentro l’installazione diventando loro stessi parte attiva della mostra.

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK