Il Compleanno di Gianni Rodari a Binaria

di

Il compleanno di Gianni Rodari si festeggia da almeno 15 anni nella libreria Binaria – voluta dal Gruppo Abele come evidenza concreta del coniugare cultura e accoglienza, impegno diretto verso le persone più fragili e lavoro per il cambiamento della società.

Un evento importante perché Rodari è una figura fondamentale per il mondo dell’educazione. Poeta, pedagogista, scrittore che, usando un linguaggio semplice, leggero, ironico, di comprensione immediata per i bambini, continua con le sue favole visionarie a portare messaggi etici e politici fondamentali ai bambini e agli adulti . Rodari è uno dei primi scrittori che tratta i bambini come persone:  essi i sono capaci di comprendere la realtà, a volte più degli adulti, anzi sono capaci di vederla con occhi diversi che ne fanno emerge le contraddizioni… Ma anche le possibilità, la bellezza dove nessuno la vede.


Quest’anno è un compleanno particolare. La partecipazione di Binaria al progetto nazionale “E se diventi farfalla”, selezionato da “Con i Bambini” nell’ambito del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile che sperimenta in 9 regioni italiane la creatività come risorsa per combattere la povertà, ci dà l’opportunità di fare una Grande Festa.

Una festa della fantasia, dell’immaginazione, del sogno per portare in cielo una meravigliosa Torta. Per farlo si è costituito un gruppo di lavoro interdisciplinare con il Dipartimento Educazione Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, il Primo Liceo Artistico di Torino e il Gruppo Abele. Un gruppo di lavoro per mettere insieme etica ed esperienza artistica, bellezza e impegno sociale, per ribadire che l’arte deve essere anche etica e che l’impegno sociale senza creatività, fantasia e bellezza non aiuta a sperare in un futuro migliore e più giusto. Il gruppo di lavoro ha ideato una mostra, con tanti laboratori per ricreare la magia della favola di Rodari per grandi e piccini, per le scuole e per le famiglie. Binaria ha organizzato pomeriggi in cui scrittori, librai e nonni hanno letto le loro storie insieme a quelle di Rodari.

La filastrocca della Torta in cielo è la fiaba sulla quale è stata costruita la Mostra. Una fiaba che, racconta Rodari nell’introduzione “è nata nelle Scuole elementari Collodi, Borgata del Trullo, Roma, tra gli scolari della signorina Maria Luisa Bigiaretti che hanno finito la quinta nel ’64; è stata pubblicata a puntate dal “Corriere dei Piccoli” nel medesimo anno 1964. Una fiaba contro la guerra, contro le bombe atomiche, contro i grandi che pensano che solo la violenza risolva le cose… Una bella torta mangiata insieme è molto molto meglio”.

La Mostra è stata realizzata dal 20 ottobre al 30 novembre 2018. Le mattine infrasettimanali sono state dedicate alle scuole materne e alla prima elementare, insieme ai gruppi mamma–bimbo che frequentano Binaria; durante i week-end sono state organizzate visite e laboratori per tutte le famiglie. La mostra è stata l’occasione per costruire un percorso in cui arte e cibo si sono incontrati. Se è vero che siamo quello che mangiamo, il nutrimento è essenziale alla vita, però prima ancora che nutrimento i cibi sono forma, colore e materia. La rappresentazione del cibo ha occupato uno spazio importante nell’arte di ogni tempo. L’alimentazione è anche un’occasione di scambio, condivisione, festa, proprio come gli atelier che sono stati proposti a bambini e bambine insieme alle loro famiglie. Laboratori di produzione di colori naturali, di pittura, di costruzione di dolci con il gesso e la gomma piuma sono state le attività che hanno permesso di costruire un lungo corridoio coloratissimo in cui sono state rese visibili linee e colori stile pop-art. Hanno completato la festa cinque pomeriggi in Libreria con lo scrittore Pino Pace, i nonni  Rita Rosa e Luciano Tosco, letture con il linguaggio dei segni con Nadia Brunasso e letture ad alta voce con i bravissimi librai di Binaria.


Hanno partecipato alla festa un nido (24 bambini), cinquescuole dell’Infanzia (176 bambini), due scuole Primarie (82 bambini),  154 famiglie (180 bambini 1-6 anni e 172 adulti).

 

 

La torta in cielo

Io sono un sognatore,
ma non sogno solo per me:
sogno una torta in cielo
per darne un poco anche a te.

Una torta di cioccolato
grande come una città,
che arrivi dallo spazio
a piccola velocità.

Sembrerà dapprima una nuvola,
si fermerà su una piazza,
le daremo un’occhiatina
curiosa dalla terrazza…

Ma quando scenderà
come una dolce cometa
ce ne sarà per tutti
da fare festa completa.

Ognuno ne avrà una fetta
più una ciliegia candita,
e chi non dirà «buona!»,
certo dirà «squisita!»

Poi si verrà a sapere
(e la cosa sarà più comica)
che qualcuno s’era provato
a buttare una bomba atomica,

ma invece del solito fungo
l’esplosione ha provocato
( per ora nel mio sogno)
una torta di cioccolato.

Gianni Rodari

 

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK