Sport. A scuola per attività di educazione motoria

di

Three kids close-up view in colorful uniforms stand with bended knee ready to run the marathon together on the stadium

Il movimento e lo sport come momenti educativi, anche a scuola. Parte da questo assunto il laboratorio di attività motorie previsto nell’ambito del progetto “Edu-factoring” che prenderà il via lunedì 19 aprile all’Istituto comprensivo statale Gullo di Cosenza.

Le attività sono organizzate da Teca srl ed hanno come finalità quella di migliorare molti processi fisici e mentali nei ragazzi, ma, nello stesso tempo, anche altre capacità ed abilità, evitando forzature tese alla prestazione, alla selezione ed al conseguimento di risultati. L’Istituto Gullo è partner di progetto.

L’educazione motoria e fisica, proposta dal laboratorio, risponde ad una serie di necessità come quella di valorizzare le potenzialità di ciascuno e promuovere sane abitudini che consentano la cura del corpo e della salute personale, ma anche il miglioramento dell’autocontrollo, osservando le regole con lealtà.

Le attività previste intendono, inoltre, sviluppare le capacità ed abilità all’interno della disponibilità sociale, della solidarietà, della comprensione e della collaborazione con gli altri; esplorare il proprio corpo, il corpo altrui e l’ambiente per conoscere gli oggetti e gli altri; stabilire un rapporto dinamico tra sé, gli altri e gli oggetti nello spazio – tempo. L’obiettivo è anche quello di insegnare agli studenti ad esprimere e controllare le proprie emozioni, impiegare il corpo come strumento di relazione e saper comunicare per mezzo di codici gestuali.

Tutti gli incontri si svolgeranno nel pieno rispetto della normativa anti Covid, con l’utilizzo dei dispositivi di sicurezza e rispettando le distanze interpersonali. I laboratori coinvolgeranno, dal 19 aprile al 18 maggio, ogni gruppo classe di venti bambini in quattro incontri complessivi per 16 ore la settimana. I ragazzi utilizzeranno attrezzature individuali sottoposte ad opportuna igienizzazione ad ogni cambio di gruppo.

Il progetto Edu-factoring coinvolge, a Cosenza, minori tra i 6 i 14 anni con l’intento di individuare, orientare e coltivare i loro talenti attraverso l’utilizzo di vari strumenti, tra cui quelli multimediali e digitali. Anche lo sport ha un ruolo importante nell’educazione dei ragazzi e i promotori dell’iniziativa intendono, appunto, coinvolgerli in attività motorie che siano occasione di crescita e consapevolezza di sé.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ligabue. Mostra Amici animali con sue incisioni a Cosenza

di

Si svolgerà dal 9 marzo all’8 aprile all’Istituto comprensivo Gullo di via Popilia, a Cosenza, la mostra “Amici animali” con le incisioni...

La Cooperativa delle donne per Edu-factoring

di

La Cooperativa delle donne è partner del progetto per tutte le azioni previste e in particolar modo per la gestione e organizzazione...

Minori. A coltivare i talenti ci prova Edu-Factoring

di

Laboratori di storia dell’arte, realizzazione app, produzione di telegiornali e programmi radiofonici. Sono alcune delle attività, rivolte ai minori tra i 6...