DAD IN COMPAGNIA

di

Nota Stampa

MaTeMù (CIES Onlus) apre in sicurezza i propri locali per offrire spazi, connessioni e supporto socio-affettivo e educativo ai ragazzi in difficoltà

Lo Spazio Giovani Scuola d’Arti MaTeMù di Roma – il centro aperto al territorio che dal 2010 offre ad adolescenti spazi gratuiti di crescita artistica e culturale, ascolto, aiuto, orientamento e divertimento – dal 18 marzo 2021 apre tutte le mattine e mette a disposizione computer, connessione e supporto educativo per ragazzi e ragazze che hanno difficoltà a connettersi da casa.

In totale adempimento delle norme di sicurezza, lo scorso 18 marzo, il noto centro di promozione artistica, di inclusione e aggregazione giovanile e lotta alle diseguaglianze sociali, ha deciso così di venire incontro alle mille difficoltà logistiche e psicologiche che molti ragazzi stanno affrontando in questo periodo.
“Abbiamo iniziato con 5 ragazze/i e possiamo arrivare fino a 12 in totale sicurezza – dichiara Dina Giuseppetti, responsabile del centro -. Ci sarà solo un/una ragazzo/a in ogni stanza, tra quelli che possono raggiungerci a piedi o in macchina. Avremo mascherine ffp2 e finestre spalancate.
La presenza e l’affiancamento degli educatori è in grado di garantire la dimensione della relazione, che sostiene nei momenti di disattenzione, di noia, di distanza”.

Con l’autorizzazione del Municipio Roma I e in collaborazione con DOORS – il progetto selezionato da impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il Contrasto alla povertà educativa minorile, la nuova iniziativa di MaTeMù punta a supportare gli alunni ma si mette a disposizione anche di insegnanti, educatori e educatrici per concordare modalità che aumentino il sostegno.

In una nuova fase di rialzo dei contagi, il Cies, così come molti enti e associazioni impegnati nel sostegno all’infanzia e all’adolescenza, registrano con profonda apprensione l’ennesimo duro colpo inferto agli studenti nuovamente privati dell’ambito per loro più importante, la scuola. Come denuncia Alleanza per l’Infanzia: “La mancata predisposizione di un piano di sostegno educativo a fronte della chiusura della didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado e nei servizi educativi per la prima infanzia nelle zone rosse preoccupa. Le restrizioni aggravano il disagio che tutte/i le/i bambine/i e adolescenti stanno sperimentando in questo lungo anno di pandemia e allarga ulteriormente le disuguaglianze dovute a povertà materiale ed educativa”.

Al fine quindi di offrire una risposta concreta all’ennesima situazione di chiusura che in qualche modo sta ledendo il diritto all’istruzione di bambini e ragazzi, MaTeMù, da sempre attento ai bisogni degli adolescenti, ha deciso di mettere a disposizione spazi, connessioni, device e educatori professionisti. “Crediamo che tutti gli spazi territoriali possano essere a fianco della scuola per superare questo momento – riprende Giuseppetti – e che si debba provare a percorrere tutte le possibilità che ci offre la didattica laboratoriale, facendo fronte alle situazioni di maggiore vulnerabilità e ai rischi di estremizzazione delle marginalità sociali.  L’obiettivo di tutte le attività messe in campo deve essere dimostrare che la distanza che oggi ci è richiesta è solo una distanza fisica, non sociale. Non deve essere distanza affettiva né amplificatore delle differenze di status sociale, come invece rischia di diventare”.

MaTeMù è lo Spazio Giovani Scuola d’Arti del Municipio Roma I, creato e gestito dal CIES Onlus. E’ uno spazio di produzione artistica e culturale, di incontro e di supporto per adolescenti e giovani. MaTeMù vuole contribuire a combattere le disparità di accesso alla cultura e all’arte ed essere un luogo di inclusione e di cittadinanza.
Per questo realizza ogni giorno 11 corsi artistici gratuiti (musica, teatro, hip hop, fumetto), insieme a una scuola di italiano, lezioni con supporto didattico, uno sportello di primo ascolto psicologico, l’orientamento alla formazione e al lavoro e spazi di incontro e socializzazione.
Dopo il primo lockdown MaTeMù, come presidio educativo, è sempre restato aperto, in sicurezza, e ha ospitato più di 30 ragazze/i al giorno, grazie a spazi molto ampi, finestre aperte, misure rigorose e strettissime a garantire la sicurezza. Le lezioni di gruppo sono state trasformate in individuali, e i laboratori più numerosi sono stati divisi in sottogruppi.
I corsi di musica/teatro/hip hop/fumetto, l’aula studio e le normali attività pomeridiane di MaTeMù, invece, proseguono online, tranne lo sportello di primo ascolto psicologico, che continua in presenza.

Ufficio stampa
Luca Attanasio l.attanasio@cies.it
– matemu@cies.it- 0677070411.

Ti potrebbe interessare

LEARNING CREATIVE LEARNING – Creatività digitale (e non) al servizio dell’ArtEducazione, grazie al PDP Free Software User Group di Fabriano

di

Learning Creative Learning. Un approccio pedagogico che nasce nel Lifelong Kindergarten del MIT-Media Lab, un centro di ricerca, non convenzionale e antidisciplinare...

Asinitas: quando sostenere significa far percepire la propria vicinanza di anima e di pensiero.

di

Asinitas Onlus nell’ambito di progetto DOORS porta avanti azioni di mediazione interculturale, quali: percorsi di formazione insegnanti sui temi della società multiculturale...

Linux Day, la giornata del software libero tra musica, robotica, cloud e partecipazione digitale

di

Nota stampa Dal PDP, la storica associazione del software libero, arriva il programma definitivo del Linux Day 2021, che si terrà sabato...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK