USCIRE DALLA PROPRIA STANZA

di

Lo hanno detto in tanti e credo che sia vero: la pandemia ha messo in evidenza problemi che c’erano già prima e in alcuni casi li ha fatti esplodere. È successo anche nella scuola rispetto al tema del disagio scolastico, dei ragazzi e delle ragazze che per ragioni diverse fanno fatica a stare nella loro classe e si “sganciano” quando possono fisicamente oppure almeno mentalmente, pur rimanendo composti nel loro banco a scuola.

Quella che prima del Covid era ordinaria e, per alcuni osservatori, fisiologica dispersione scolastica è diventata oggi un campanello d’allarme per il senso stesso della scuola. Specialmente nel suo anello più debole, la secondaria di primo grado, la scuola media.

Ce lo hanno mostrato i vari progetti che stiamo conducendo in Italia, tutti diversi come sono diverse le situazioni delle famiglie, degli Istituti scolastici e degli adolescenti. In questi mesi si è sviluppata fortemente la fantasia di molti degli adulti interessati agli studenti, docenti ed educatori, per non perdere il contatto, per cercare di dare una continuità di apprendimento con i ragazzi. Dai corsi di taglio laser on line alle gare di cucina ognuno a casa propria, dall’allestimento di video o di brani musicali ai corsi di ginnastica a distanza, fino ai sempre necessari accompagnamenti individuali a tutte le ore del giorno e della notte. Ma per chi voleva trovare una scusa in più per nascondersi il lockdown ha offerto una vasta gamma di possibilità: assenza, irreperibilità, presenza-non-presenza, presenza senza voce, senza faccia, senza…

La cosa che mi è apparsa molto evidente è il fatto che non basta offrire una bella proposta. Questa ci deve essere, chiaramente, e deve essere avvincente e competente, ma non basta. Non basta confezionare una lezione o una attività per quanto fighissima. Le ragazze e i ragazzi che vivono per tante e diverse ragioni un loro disagio personale bisogna andarli a cercare, altrimenti è facile che si perdono. Lo sapevamo anche prima ma adesso dopo il Covid non abbiamo più alibi. Mi pare che sia evidente per tutti. Andarli a cercare significa per gli adulti che non fanno solo teoria uscire dalla propria stanza, bussare alla porta di casa, quando si può fisica ma anche digitale, entrare con delicatezza e rispetto, saper ascoltare prima di prendere la parola. Significa instaurare una relazione vera, lasciare da parte le certezze di uno schema e di un metodo disciplinare appreso e sperimentato anche dopo anni di onesto lavoro. Così abbiamo cercato di fare noi e ci stiamo provando ancora a volte ottenendo risultati a volte no.

Credo che questo tempo di Covid abbia messo in evidenza alcune prospettive che possono valere per la scuola di domani:

– Prima: la scuola di domani deve partire dalla qualità delle relazioni tra adulti e ragazzi. Dentro a queste, e solo dentro a queste, si inseriscono i contenuti degli apprendimenti. Leggi qui la necessità di nuovi modi per la formazione degli insegnanti: la scuola non è un programma ma un sentiero da camminare insieme
– Seconda: la formazione delle ragazze e dei ragazzi non riguarda solo la scuola ma tutto il contesto. Leggi qui il quartiere, il mare e le montagne, la scuola non è solo l’edificio scolastico.
– Terzo: la scuola, così come il mondo, non può lasciare indietro nessuno.

Leggi qui: andiamoli a cercare in tutti i modi possibili. Il contatto personale e la fiducia sono indispensabili.

Franco Taverna, Responsabile Nazionale Progetti Povertà Educativa

Ti potrebbe interessare

EXODUS GALLARATE: I RAGAZZI DEVI INCONTRARLI OGNI GIORNO

di

Nel comune in provincia di Varese gli educatori di Fondazione Exodus danno il via al secondo anno del Progetto selezionato  dall’Impresa Sociale...

LA NOIA CHE FA RIMA CON GIOIA

di

Nasce così il testo, un po’ sgangherato, di una canzone composta dai nostri ragazzi fuoriserie del polo Exodus di Gallarate del Progetto...

Scuolavirus: l’educazione non si ferma

di

I progetti sulla povertà educativa cercano nuovi strumenti e strategie didattiche, ma si sta rischiando di aumentare le distanze tra chi ce...