LA SCUOLA CHE FUNZIONA

di

Mancano i banchi, gli insegnanti, le regole sono confuse e sono iniziati –quasi da subito- i primi casi di positività tra gli studenti che hanno determinato le prime necessarie e temporanee chiusure di alcune classi. E, in questi giorni in alcune regioni, anche di tutte le scuole.

Ma non c’è solo questo, e di quello che c’è forse non se ne parla abbastanza.

Ci sono i ragazzi, che tornano a scuola dopo tanti mesi di assenza e li ritroviamo tutti (proprio tutti… anche quelli che chiamavamo “dispersi”) con le loro mascherine e la fatica immensa di riprendere i ritmi.

Rivederli è stata una gioia incredibile, come quando ci si rivede dopo un lungo viaggio, e se c’è una vera e grande fatica è nelle distanze da mantenere, non nelle mascherine da indossare. Perché noi i ragazzi siamo abituati ad averli “addosso”, ed è veramente difficile ripetere quel “non ti avvicinare” che va in direzione opposta a quell’arte dell’avvicinamento che caratterizza il nostro esserci.

C’è Ally, con una disabilità importante e, anche se non è seguita dal progetto “Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie”, selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini, si è abituata a “venirci a trovare” quando non ce la fa più a stare in classe, va in giro con la sua mascherina sempre mezza storta, ma adesso la salutiamo da lontano, si ferma, e capisce che deve tornare indietro.

La scuola che funziona è in un dizionario “rumeno-italiano” per imparare dal primo momento a dirsi “Buongiorno”.

Sono le tabelline gridate da un lato all’altro dell’aula fingendo una partita a tennis con una racchetta immaginaria.

È ridere quando il Codice Civile scritto da Napoleone diventa per qualcuno il Codice Fiscale.

È ascoltare l’”Ouverture di Tchaikovsky” che nell’orchestra usa anche i cannoni.

E’ la lezione di letteratura fantasy tenuta da uno dei nostri educatori durante l’ora di italiano, perché alcuni archetipi aiutano a riflettere sui temi attuali attraverso la fantasia, e, quindi, anche “Harry Potter” o “Il Signore degli Anelli” hanno molto da insegnare.

E dunque sì, è vero, a volte mancano i banchi. Ma c’è anche molto, molto di più.

di Barbara Invernizzi, Responsabile Polo Exodus Assisi – Progetto Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie

Ti potrebbe interessare

A. ci insegna: Elogio alla lentezza. Contro il Coronavirus. E non solo

di

La testimonianza di Francesca, Educatrice del Donmilani2: Ragazzi Fuoriserie per il progetto Scuola Ventura dell’istituto Graf di Quarto Oggiaro, periferia di Milano...

EDUCATORI, REMIXATE SEMPRE LE VOSTRE ABILITA’

di

Un “Laboratorio di Senso” con il pedagogista Davide Fant per gli Educatori di Exodus La società cambia e i ragazzi cambiano con...

I nostri figli stanno maturando l’urgenza di crescere migliori

di

La testimonianza di un papà, Francesco, che sta reimparando a conoscere i suoi due figli quasi adolescenti in questi giorni di emergenza...