Con “Bimbi in rete” nelle classi, a lezione di… internet

di

Negli ultimi dodici mesi la scuola è stata sballottata come una nave in tempesta, effetto collaterale della pandemia che ha rivoluzionato le vite di tutti. Uno strumento si è rivelato fondamentale per la “ciurma” composta da insegnanti, famiglie e soprattutto bambini e ragazzi che hanno cercato di mantenere la rotta dell’educazione: internet. Ma si è rivelato tanto prezioso quanto non abbastanza conosciuto da chi, di punto in bianco, si è trovato ad averne bisogno non per divertirsi cercando un video carino, ma per imparare. È per colmare questo divario che Community School ha impostato il progetto “Bimbi in rete”, pensato per gli allievi della scuola primaria e declinato in due proposte, suddivise per cicli (classi I-III e classi IV-V).

«Questo progetto» racconta Manuela Baldo che ne è responsabile «intende fornire ai bambini un quadro generale sul mondo di internet, sul significato di rete, su potenzialità, opportunità e rischi legati al mondo del digitale. Il gioco, le relazioni sociali e la capacità di raccontare e di raccontarsi saranno alla base delle attività proposte, durante le quali i bambini verranno accompagnati verso un approccio generale alla rete, in modo pratico e personalizzato, per farne un utilizzo consapevole e con riferimenti all’educazione civica».

Per capire internet, non è necessario che tutti abbiano tra le mani un computer o un tablet. Le attività proposte, in presenza e con tutte le precauzioni di sicurezza necessarie ai tempi della pandemia, mescolano il gioco con la conoscenza in modo fantasioso e istruttivo. Come parlare ai più piccoli dei contenuti della rete? Facendoglieli – letteralmente – pescare da una scatola-acquario piena di pesciolini plastificati (e sanificabili, in era-coronavirus) ognuno dei quali rappresenta qualcosa che si può trovare navigando. Come imparare a comportarsi quando si è costretti a casa con la didattica a distanza? Simulando una lezione con l’aiuto della lavagna multimediale in cui l’insegnante è in aula ma nascosto e la sua immagine compare sullo schermo. Così, con un gioco, si manda a memoria il galateo della videochiamata che per i più grandi diventa un’attività diretta: saranno loro a scrivere le regole di buon comportamento per poi confrontarle con quelle stilate dall’Unicef. Per entrambi i cicli di laboratori sono previsti tre interventi in classe più due approfondimenti per i ragazzi e un incontro con i genitori che si svolgerà in modalità virtuale e servirà ad aiutare anche loro a capire regole e opportunità date dalla didattica in rete.

Per avere informazioni sul progetto, le scuole possono contattare Manuela Baldo (manuela.baldo@tantintenti.org), della squadra di edutainment della Cooperativa Sociale Tantintenti, capofila di Community School, il patto territoriale che ha unito 47 partner del Biellese, tra istituzioni, associazioni e privati, ed è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Bielmonte Kids: alla scoperta del paese dei bambini sugli alberi

di

Durante il periodo estivo, per chi vive lontano dal mare, cosa c’è di meglio che fare una gita fuori porta in montagna...

Passeggiate in Cascina: per imparare dalla natura

di

«Troverai di più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le pietre ti insegneranno ciò che non si può imparare da...

Costruire una comunità educante

di

Anche la comunità educante deve essere educata. Per questo, nel progetto Community School, ci sono anche momenti di formazione dedicati alle persone...