La comunità che educa: i Patti Educativi nell’era Covid

di

mercoledì 26 maggio ore 18

BELLA PRESENZA

La comunità che educa: i Patti Educativi nell’era Covid

con Silvia Avallone, scrittrice, Simona Rotondi, Vicecoordinatrice delle Attività istituzionali Impresa Sociale Con i bambini e Gabriele Vacis, regista | conduce e modera Andrea Morniroli, Cooperativa Dedalus, Forum Disuguaglianze e Diversità

 

I lunghi mesi di alternanza tra scuola in classe e Dad hanno messo a dura prova la costruzione di comunità educanti solide, ma hanno aperto nuove opportunità e luoghi inediti dove fare educazione. Il progetto “Bella Presenza”,selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, in tutti e tre i territori coinvolti (Campania, Piemonte e Toscana) e grazie alle diverse realtà protagoniste, ha reso possibile la costruzione di una progettazione condivisa, attraverso la creatività, l’impegno e un intenso lavoro di rete.

 

Per fare il punto sulle attività svolte in ambito educativo e sociale da due dei partner direttamente coinvolti nel progetto “Bella Presenza”, il 26 maggio alle 18 si terrà online, a cura di Fondazione Circolo dei lettori e Laboratorio di Innovazione sociale Labins, un pomeriggio per riflettere, tra immagini e parole, sul percorso fatto e sulla strada da prendere, con l’obiettivo sempre chiaro di contrastare la povertà educativa e il rischio di fallimento dei percorsi formativi. In dialogo sulle piattaforme online del Circolo dei lettori la scrittrice Silvia AvalloneSimona Rotondi,vicecoordinatrice delle Attività istituzionali dell’Impresa Sociale Con i bambini e il regista Gabriele Vacis con la moderazione di Andrea Morniroli della Cooperativa Dedalus e del Forum Disuguaglianze e Diversità. Il pomeriggio sarà anche pretesto di lancio della piattaforma MICRO archivio digitale di testimonianze video delle storie di Bella Presenza, cuore pulsante dell’attività svolta dalla Fondazione Circolo dei lettori che ha invitato la comunità a porsi alcune domande fortemente esistenziali: cosa ti manca di più, cosa hai notato di bello, chi stai aiutando o per chi sei preoccupato dentro e/o fuori dalla tua famiglia, chi ti aiuta o si preoccupa per te in questo momento dentro e/o fuori la famiglia? Perché, per trovare la bellezza, abbiamo bisogno di storie.

 

Bella Presenza” infatti pone al centro la “bellezza” intesa come “bussola” che orienta e illumina l’agire pedagogico educativo, consentendo, anche dentro le fragilità, di dissodare risorse e produrre convivenza e inclusione. Obiettivo del progetto è quello di trovare e valorizzare la “bella presenza” nascosta sia nelle storie scolastiche e familiari e nelle individualità di tanti giovani “scartati”, sia in territori prevalentemente spiegati attraverso le loro fragilità. Dall’inizio delle sue attività, sui tre territori, Bella Presenza ha coinvolto oltre 4.700 minori, di cui oltre 800 con cittadinanza non italiana, 520 BES, DSA, circa 400 appartenenti a famiglie in povertà. Hanno inoltre partecipato alle attività circa 1.500 nuclei famigliari, 1.700 insegnanti e educatori, 170 operatori e 15 enti del terzo settore, esterni alla partnership.

 

A partire dallo scorso marzo la comunità scolastica ed educante è stata fortemente colpita e Bella Presenza si è assunto il compito di ripensarsi non solo per dare tutto il supporto possibile agli alunni e alunne più in difficoltà che rischiavano (e rischiano) di pagare il prezzo più alto, ma anche per “tenere la rotta” e la coerenza con il suo senso di fondo e cioè di essere dentro ad un’originalità riflessiva capace di legare le pratiche al cambiamento, di considerare i propri luoghi come laboratori in evoluzione, che “camminano domandando” e che in tale metodologia imparano, si modificano, propongono.

 

In particolare nel periodo estivo, si è dato vita all’Aula dei legami, un intervento costruito su più luoghi, prevalentemente all’aperto in condizioni di sicurezza rispetto della normativa nazionale, regionale e locale con una serie di proposte ed opportunità che hanno avuto come finalità comune quella di tessere legami, relazioni, solidarietà e accompagnare i destinatari in questa fase di passaggio verso una diversa normalità, alla ricerca di un punto di incontro tra divertimento, gioco, attività didattica di potenziamento, socialità e comportamenti di cittadinanza da perseguire per la tutela della comunità. L’Aula dei Legami ha portato anche ad un rapporto nuovo con le famiglie, che si è articolato anche in alcuni interventi di sostegno a necessità concrete, soprattutto per le famiglie di recente immigrazione che non avevano fatto in tempo a orientarsi nel mondo della scuola nel nostro paese per l’interruzione improvvisa a marzo.

 

“La pandemia – afferma Andrea Mornirolicoordinatore del progetto “ci ha messo di fronte a crocevia in cui a seconda delle strade che prendono i processi educativi possono andare in due direzioni completamente opposte: una, timorosa e incapace di andare oltre il consolidato, è quella del mero contenimento e della riduzione dei danni. L’altra, coraggiosa e più interessante, investe invece sulla risposta all’emergenza come luogo dove allenarsi e sperimentare didattiche, tempi e luoghi di una scuola diversa. Non solo per gli alunni e le alunne più fragili ma partendo da loro per una scuola più bella per tutte e tutti. Bella Presenza, accetta il rischio di guardare e investire in quest’ultima direzione”.

 

Sin dall’inizio Bella Presenza ha messo la scuola al centro – ha dichiarato Patrizia Gugliotti, referente territoriale del Piemonte – consapevoli però che la scuola da sola non può affrontare la sfida educativa, e quindi lavoriamo per creare una rete con attori formali e informali, con un approccio cooperativo che è necessario per costruire una scommessa futura”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Bella Presenza: un modo di intendere e costruire la comunità educante

di

Nella fase complessa che stanno vivendo le scuole in questo momento, il progetto Bella Presenza, che nei mesi del lockdown non si è mai fermato, sta immaginando forme di co-progettazione delle attività a partire dalle necessità e dai bisogni che presidi e docenti esprimono.

Educazione alla cittadinanza: incontro formativo per operatori di Bella Presenza

di

Una lezione di Giovanni Moro, sociologo politico e responsabile scientifico di FONDACA, su “Cittadinanza democratica. Il fenomeno e le sue trasformazioni”* Il...

La co-progettazione sui territori. Aggiornamenti dalla rete toscana e piemontese

di

Partiti anche in Toscana i primi incontri di co-progettazione educativa con le scuole secondarie di I e II grado promossi da Oxfam...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK