Da Pediatria un report per i bimbi di Arteteca

di

Le famiglie dei bambini del gruppo Arteteca sembrano essere quelle maggiormente colpite dall’impatto della pandemia e dalle sue conseguenze. E’ quanto emerge dall’indagine conoscitiva sull’esposizione alle conseguenze della pandemia delle famiglie appartenenti a fasce socio-culturali a rischio, realizzata dalla Scuola di Specializzazione di Pediatria dell’Università Federico II di Napoli, partner del progetto.

La ricerca

Le famiglie coinvolte, infatti, riferiscono una minore conoscenza dell’infezione da SARS-CoV-2 ed appaiono consapevoli di essere a rischio, ciò può costituire per gli stessi una maggiore preoccupazione. “Per tale ragione, si potrebbe ipotizzare che questi ultimi, che vivono in un contesto di disagio socio-ambientale che spesso si
associa ad una condizione di povertà educativa, si percepiscono come una classe “fragile” o con maggiore “sensibilità emotiva” da dover supportare in termini psico-educativi” si legge nello studio.

Emerge una maggiore insicurezza generale

Si potrebbe interpretare anche come una maggiore insicurezza generale piuttosto che una consapevolezza specifica di non “conoscere a sufficienza quanto necessario per affrontare l’emergenza legata al Covid”. Forse il “non sapere abbastanza” è il risultato di una bassa autostima (presentata come tale
ma non veramente percepita) associata a fatalismo, un atteggiamento frequente nel meridione d’Italia.

L’importanza di spazi come le ludoteche Arteteca

“In conclusione, i dati emersi suggeriscono l’importanza di sostenere e valorizzare l’azione delle ludoteche, che attraverso attività ludico-educative rappresentano una risorsa per lo sviluppo della comunità e un’opportunità per le generazioni più giovani e più fragili”.

L’impegno di Arteteca in tempi di pandemia

Arteteca, si è impegnata a sostenere le famiglie in questo periodo di emergenza sanitaria che ha coinvolto inevitabilmente anche i più piccoli. A tal proposito, è stato realizzato un opuscolo divulgativo sul Covid-19 rivolto alle famiglie, diffuso sui canali social del progetto Arteteca, contenente informazioni riguardo a: sintomi, suggerimenti per l’igiene e la cura dei bambini, l’utilizzo della mascherina; come occupare il tempo durante giornate trascorse in casa e come informare i più piccoli su quanto accaduto.

Una mail per domande e dubbi

Inoltre, è stato messo a disposizione un indirizzo e-mail, artetecapediatria@gmail.com, al quale i genitori hanno avuto la possibilità di rivolgersi per porre domande ed esprimere dubbi sull’emergenza sanitaria che si è verificata e ai quali è stata data risposta direttamente dai medici della Scuola di Specializzazione in Pediatria dell’Università di Napoli Federico II.

Il questionario

Infine, è stato elaborato un questionario da somministrare ai genitori di bambini dai 0 ai 14 anni all’inizio della fase 2, quando il rischio e la paura di contrarre il virus erano ancora elevati e il ricordo della fase 1 era vivido.

Qui il link per consultare l’indagine completa:

report Arteteca_pediatria_pdf

Regioni

Ti potrebbe interessare

Humanities: Arteteca per la formazione dei medici

di

Humanities, le Scienze Umane. Un patrimonio di saperi e, soprattutto, di sensibilità che viene ritenuto sempre più importante nella formazione del personale...

Halloween al museo, con Arteteca

di

Halloween, la festa più spaventosa dell’anno, nelle ludoteche Arteteca. Le ludoteche museali, quella del Pio Monte della Misericordia a Napoli, e del Museo...

Didattica a distanza per Arteteca

di

Didattica a distanza per Arteteca per #Restareacasa. Le ludoteche in tempi di emergenza sanitaria non abbandonano i suoi piccoli artisti. Sono stati...