Laboratori educativi per bimbi e genitori all’Isola di Sedico

di

L’isola di Sedico accoglie in due momenti diversi nella settimana bambini della fascia d’età 0-3 (martedì) e bambini della fascia d’età 3-6 (giovedì) insieme con i loro genitori.  Lo spazio è quello del servizio alla prima infanzia Ca’ Gioiosa gestito dall’Azienda Speciale Sedico Servizi e di proprietà del Comune di Sedico. Oltre allo spazio adeguatamente creato per accogliere i bambini, il tempo è prezioso e condiviso: le educatrici apportano le loro conoscenze e competenze educative e le mettono al servizio dei genitori, che insieme ai loro bambini vivono le attività ed i laboratori proposti. Si spazia da laboratori pittorici, a manipolazione, da letture a laboratori musicali, dalla creazione di scatole magiche al gioco euristico e al gioco del travaso.

I genitori condividono l’attività con i propri figli, osservando attentamente come le educatrici si attivano nei laboratori. L’isola diventa uno scambio di conoscenze su che cosa proporre ai bambini, sul come  affinare conoscenze per una genitorialità efficace.

La canzone “Là, Là, Là, Là……” rappresenta la rountine di inizio delle attività dell’isola: tutti insieme, all’unisono, si canta prima dell’avvio.

I bambini ed i genitori insieme, nel corso di questi mesi di servizio, hanno acquisito un buon ambientamento rispetto ai tempi e alle attività educative proposte. Questo consente loro di potersi sperimentare in un ambiente strutturato e facilitato, dove la reciproca fiducia e la necessità di confronto su ciò che accade sono ingredienti specifici del servizio educativo.

Di seguito, le testimonianze delle educatrici coinvolte nel servizio educativo dell’Isola di Sedico, guidato dalla coordinatrice Santina Vieceli, con il supporto della direttrice Daniela Piccoli e la consulente Anna Maria Bernard. Le testimonianze hanno l’obiettivo di proporre il focus di chi mette a disposizione conoscenze e competenze educative. Le foto ci fanno cogliere i particolari che genitori e bambini ricevono in questi specifici momenti preziosi per la loro crescita, sia come adulti responsabili che come piccoli, futuri uomini e donne.

Voce all’Educatrice Federica Pavei – Laurea quadriennale in Scienze dell’Educazione alla prima infanzia – testimonianza

“Per me l’isola di Sedico ha come fulcro tre parole: BAMBINI, INSIEME, DIALOGO.

BAMBINI: ogni attività educativa è calibrata su loro per farli star bene ed essere sereni. INSIEME: è un cammino circolare genitore-figlio/a-educatrice, composto da altri cerchi di genitori e bambini. DIALOGO: i genitori hanno desiderio e necessità di avere un momento in cui parlare, essere ascoltati e accompagnati nella crescita non sempre facile dei propri figli. Inizialmente agli incontri per i bambini della fascia 0-3, c’erano poche famiglie, ma vedere la costanza alla frequenza dell’isola, soprattutto di una mamma con il proprio figlio, mi ha dato una grande grinta per continuare a proporre laboratori ad hoc e routine efficaci. Man mano il gruppo delle famiglie è cresciuto grazie al semplice ed efficace passaparola. Questo aspetto è rilevante in quanto ogni genitore HA DECISO di frequentare Arcipelago. Inizio ogni incontro con grande entusiasmo perché vedo il sorriso dei bambini quando entrano nella stanza, che se pur piccoli iniziano a riconoscermi e ricercare i giochi, vedo l’interesse e desiderio dei genitori nel ritornare ogni martedì e di camminare insieme al proprio bambino; assaporo la fiducia che ogni genitore ha nel chiedere consigli e nell’esprimere le proprie difficoltà, sapendo di incontrare un gruppo di supporto. Questo cammino sperimentale lo stiamo costruendo insieme. E’ bello e importante vedere ogni genitore giocare con il proprio figlio, ricrearsi un tempo “tutto loro”, dove possono anche fermarsi ad osservare i bambini e gioire delle loro piccole, ma importanti conquiste.”

Voce all’ Educatrice Katia Piazza – Laurea triennale in Scienze dell’educazione alla prima infanzia e magistrale in programmazione e gestione dei servizi educativi – testimonianza

“Mi piace immaginare l’Arcipelago https://www.facebook.com/arcipelagobambini/come un insieme di isole vicine dotate di molti porti in cui le barche possono attraccare con facilità. In questo quadro penso all’isola di Sedico e mi immagino il nido Ca’ Gioiosa come uno di questi porti in cui le famiglie sulla loro “barca” arrivano portando con sé  idee, talvolta domande, altre volte portando con sé altre famiglie. Arrivano, e sempre con il sorriso, mosso talvolta dalla curiosità di quel che abbiamo preparato loro, altre volte dal benessere che sanno di trovare in un porto sicuro fatto di persone pronte ad accogliere, ascoltare e proporre, un porto in cui  possono anche semplicemente “stare” e giocare con i loro figli. Il giovedì è, per questo, un giorno tanto atteso per tutti, un appuntamento ormai fisso per genitori e bambini. Il compito di noi educatrici è quello di dare risposta alle loro aspettative creando un ambiente capace di accogliere e proporre… come? Attraverso attività e laboratori che catturino il loro interesse e stimolino la loro curiosità per creare qualcosa di nuovo e unico, proprio perché fatto INSIEME! Cerco sempre di proporre laboratori che abbiano origine dalle loro idee e proposte perché si sentano a tutti gli effetti protagonisti dell’agire condiviso. Tra tutti i laboratori, quello più richiesto è senza dubbio il laboratorio di cucina e credo che in questa preferenza si celi qualcosa che vada oltre la semplice e meccanica procedura di unione degli ingredienti nelle giuste dosi: in un’attività di questo tipo si concretizza, a parer mio, il concetto di condivisione, del fare insieme qualcosa che poi diventa di e per tutti, come può essere una macedonia, una torta, una pizza,.. qualcosa che diventa ancora più buono da assaporare perché è molto di più della somma degli ingredienti!! L’isola è per tutti questi motivi, e per molti altri, un luogo in cui si costruisce uno stare insieme che fa stare bene!

Ogni giovedì sera, arricchita dal tempo passato insieme, saluto dal porto queste barche che tornano verso casa con la speranza che il benessere che abbiamo costruito insieme arrivi negli altri contesti di vita, che sia come l’ onda, che mossa dai remi, muove anche il resto del mare”.

Regioni

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK