“Cosa fate qui?” – Genova accoglie i bambini ucraini

di

Sono più di 100.000 i profughi ucraini accolti in Italia, secondo i dati del Ministero dell’Interno. Numeri che, però, nascondono storie, amicizie, pianti e sorrisi. Sorrisi come quelli che si vedono sui volti dei bambini ucraini accolti nelle Scuole della Pace, doposcuola gratuito incluso in Valori in Circolo, progetto promosso dalla Comunità di Sant’Egidio e selezionato dall’impresa sociale Con i Bambini nell’ambito del fondo per la lotta alla povertà educativa minorile.

Anna, Sasha e Melaniya sono tre bambini ucraini, arrivati alla Scuola della Pace di Sampierdarena poco dopo lo scoppio del conflitto. Gli altri bambini avevano preparato per loro un grande cartellone, che in ucraino diceva ‘Benvenuti’, ‘Vi vogliamo bene‘ e ‘Viva la pace‘. Insieme ai Giovani Per la Pace e agli altri bambini, i nuovi arrivati hanno giocato al gioco delle sedie, perfetto per l’occasione perché per partecipare non serve sapere l’italiano. Martina, una bambina della Scuola della Pace, aveva preparato un bellissimo braccialetto di perline colorate per ognuno dei suoi tre nuovi amici: un dono per farli sentire un po’ a casa.

Cosa fate qui?’ aveva chiesto la mamma di Sasha, appena arrivata in Italia. “Giochiamo insieme, facciamo un po’ di compiti, la merenda… Puoi restare a vedere, se vuoi’ – le avevano risposto i GXP. Quando i giovani volontari le scrivono per sapere se porterà Sasha anche lunedì prossimo, risponde ormai ‘Привіт. Обовязково’, che vuol dire ‘Sì, per forza’. È già più di un mese, ormai, che i GXP vedono i bambini due o tre pomeriggi la settimana. ‘È un periodo che siamo molto impegnati, ma vi ringrazio tanto, perché Anna è molto molto felice di venire da voi, e di conseguenza lo siamo anche noi‘ – fa sapere la mamma dell’altra bambina appena arrivata.

Quando giocano con i GXP i bambini sono contenti, e a tutti sembra che, nella stanza della Scuola della Pace, il tempo sia sospeso. Non ci sono più soltanto le preoccupazioni, la guerra, la paura e lo spavento. C’è un gruppo di amici, un po’ di speranza. C’è Pace.

Quello verso la pace è un cammino lungo, faticoso, complesso. Ma se è vero che tutte le strade sono fatte di piccoli passi, allora saper accogliere e saper giocare tutti insieme saranno pure azioni piccole, ma procedono nella direzione giusta.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Genova per l’Africa: musica e giochi all’insegna del riciclo

di

Nel cuore di Genova c’è l’Africa: in Piazza Matteotti, pieno centro storico, per tre giorni tanti ragazzi liceali e adolescenti hanno, infatti,...

Alla Summer School insieme si combatte la povertà educativa

di

Si è concluso da poco un anno scolastico complicato, segnato da chiusure e dalla difficoltà per molti minori di seguire in maniera...

Il Natale itinerante di Valori in Circolo: I giovani incontrano anziani e bambini

di

Doveva essere un Natale diverso, rispettoso delle normative e così è stato. Un Natale che si è protratto per tutto il mese...