Il tempo (prezioso) del Coronavirus

di

È banale ricordare che occorre fare di necessità virtù. Resta vero, però. Lungi dall’elencare tutte le opportunità che si aprono, per fortuna, mentre molte altre si chiudono e tutti, alcuni molto più di altri, soffrono le conseguenze dell’epidemia, soffermiamoci un attimo sui nostri bambini confinati a casa.

Ci sono due aspetti della questione: come rispondere alle loro domande e affrontare le loro paure, da una parte; e come impiegare questo tempo lungo, inatteso, del tutto particolare e forse irripetibile nella sua mescolanza di costrizione e nuove libertà. 

Rispondere alle domande e affrontare le paure ci costringe, nonni, genitori, operatori dell’infanzia, a esercitare la fantasia ma anche la capacità di cercare spunti, in quello che ci può offrire la rete, qualche amico, o anche in noi stessi, per raccontare la storia dell’epidemia ai nostri bambini, spiegare cos’è un virus, come si trasmette, perché ci si deve “distanziare”, e magari cosa è un vaccino e come funziona. È più che possibile che, cercando di qua e di là, chiedendo a chi ne sa di più, e trovando le parole (e i disegni!) per spiegare quanto accade ai nostri bambini, chiariremo qualche idea anche a noi.

Un po’ di tempo se ne può andare cosi, mentre ci improvvisiamo maestri. E nel rimanente? Possiamo fare tante di quelle cose.

Ad esempio cercare tra le cose vecchie, e trovare qualcosa da mostrare ai nostri bambini di come eravamo, come giocavamo, dove siamo andati. Leggere assieme, guardare atlanti, o perché no anche un libro di cucina. O ancora sentire musica, scegliendo quello che ci piace e che può piacere. Giocare, con giochi vecchi, giochi nuovi o, o anche nessun gioco, solo quello che troviamo in giro: tappi di sughero, scatole di cartone, spaghi, carta colorata, colla, plastilina. Guardare dalla finestra e commentare, quello che si vede e quello che non si vede più.  Usare, questa volta bene, il cellulare, per chiamare i nonni e chiedere come stanno, o l’amico della scuola. Insomma, non bisogna per forza ricorrere alle cose pronte, video, audio o altro. Ci si può fare venire qualche idea da soli, sarà più divertente.

Torneremo, prima o poi, alla vita di prima.

Anzi, no, non sarà più quella di prima. Per tanti motivi ma anche perché avremo scoperto un tempo, un tempo lungo da riempire, o anche da lasciare scorrere, più lentamente del solito.

Con i nostri bambini. Che se ne ricorderanno a lungo.   

 

Ti potrebbe interessare

Un passo indietro oggi per accogliersi domani

di

Ecco il racconto di Paola, educatrice al Villaggio per Crescere di San Cipriano d’Aversa (CE), che per sostenere le mamme si è...

Genova riparte dalle bambine e dai bambini

di

Dopo il disastro legato al crollo del ponte Morandi, la Val Polcevera riparte dai bambini e dalle famiglie. Ieri, lunedì 17 settembre nella...

Tutto ciò che fa crescere l’umanità lo si realizza insieme, anche se si hanno fedi diverse

di

Uno dei nostri Villaggi pulsa e spalanca le porte proprio nel cuore d’Italia, a Foligno, una città in cui operatori ed educatori...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK