A Napoli c’è una comunità attorno al Villaggio

di

Dalla palestra alla gioielleria, i commercianti si stringono attorno al bisogno di spazi come Un Villaggio per Crescere di Napoli,  e invitano le famiglie loro clienti a partecipare, a esserci e a cogliere quest’opportunità di crescita sociale. Per accrescere il senso di appartenenza e di riconoscimento in questa visione condivisa, abbiamo regalato ai negozianti del quartiere di Pianura (dove si trova il nostro Villaggio) la vetrofania “Io sostengo il Villaggio”. In molti la espongono con speranza sulla vetrina del loro negozio, in questo modo le famiglie della zona vedranno il senso profondo della comunità educante attorno, e sentiranno che il Villaggio è anche “fuori” dall’Istituto comprensivo Don Giustino Russolillo.

Ecco le testimonianze.

Carmen lavora al Bar Centrale, è giovane e piena d’interessi. Nel venire a conoscenza di Un Villaggio per Crescere ci ha sorriso, di quei sorrisi veri e liberatori:

“Sono contentache questa iniziativa arrivi in un contesto così piccolo come il nostro quartiere di Pianura, perché credo che ce ne sia un gran bisogno per far provare nuove esperienze ai bambini e per le famiglie
che spesso non riescono ad interagire con le nuove generazioni.
Spero che ci sia una risposta degna del progetto

 

Carmen, bar Centrale - Napoli | Pianura

Maria, è la proprietaria della gioielleria Porzio, esprime vera e sentita emozione nel parlare del Villaggio per Crescere. Nelle sue parole un senso di umanità profondo:

“Penso che il progetto avrà successo perché le persone vogliono essere aiutate e sostenute.
Il Villaggio fa bene alla dignità della persone perché c’è chi ha difficoltà a chiedere aiuto
e questo è un modo di essere aiutati senza doverlo dire
.
L’essere umano non deve essere calpestato nella dignità perché nella vita si ha bisogno di supporto morale,
che vale più dei soldi”

Maria Gioielleria Porzio Napoli | Pianura

 

Anche dal mondo sportivo della Palestra Life arrivano pensieri positivi per Un Villaggio per Crescere. La nascita di questo progetto è considerato come un fulcro, un sostegno che può fare da leva per il cambiamento, tanto atteso e sperato.

“È un’iniziativa sicuramente valida, ogni genitore dovrebbe prenderla in considerazione per il proprio figlio
e per se stesso. Dà la possibilità di partecipare a proposte educative creative e culturali
per sostenere il bambino nella sua crescita sociale”

Palestra Life Napoli Pianura

 

Un Villaggio per Crescere è presente anche nel negozio OVS e le commesse hanno così commentato l’iniziativa:

“Una bella iniziativa che qui a Pianura crescerà.
Qui si sente il bisogno di crescere nella mentalità e di ricevere opportunità nuove e importanti.
Tante famiglie non possono economicamente usufruire di certe possibilità.
Speriamo che tutto ciò aiuti le famiglie ed i bambini offrendo l’opportunità di trovare all’interno
del quartiere spazi educativi e di crescita

OVS Napoli Pianura

 

La Tabaccheria Mascolo è storica nel quartiere e vive la scuola da sempre, trovandosi  di fronte ad essa. Cosa pensano del Progetto Un Villaggio per Crescere? La loro risposta racchiude la consapevolezza che è proprio qui che il Villaggio deve agire con l’impegno di tutta la comunità.

Dovrebbero essercene tanti di progetti come questo a Pianura.
Ci ritroviamo in un quartiere carente di esperienze del genere, siamo un po’ abbandonati.
Per i genitori è un’ottima esperienza per potervivere insieme con i bambini momenti di crescita e creatività.
Invito le persone ad accogliere e partecipare perché serve, è utile. Se ne avverte il bisogno”

 

Tabaccheria Napoli Pianura

 

Chi si unisce?

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ma le bambine e i bambini erano ultimi già prima del virus

di

Lunedì 25 maggio anche il Centro per la Salute del Bambino (CSB), ente capofila del progetto Un Villaggio per Crescere,  ha partecipato alla...

Le famiglie di Genova alla riscoperta degli spazi all’aperto dopo il lockdown

di

Stare all’aria aperta, in compagnia. Un’azione semplice, naturale, che abbiamo sempre potuto fare e che all’improvviso abbiamo scoperto non essere poi così...

Il Villaggio della Valle Caudina è un generatore automatico di futuro

di

«Giulio, vieni al Villaggio? Dobbiamo lavorare con tutte le foglie dell’autunno. Ti passiamo a prendere?». Francesca, 6 anni, era preoccupata. Era già...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK