Emozioni sul palco

di

Alcuni alunni di prima e seconda media dell’I.C. Barabino di Sampierdarena hanno realizzato un piccolo volume con una ventina di brevi composizioni che è stato presentato sul prestigioso palcoscenico della 29° edizione del  Festival Internazionale della Poesia a Palazzo Ducale a Genova.

“ Onda dell’animo” è un’iniziativa, coordinata da Paola Fedele, nell’ambito di “ Genova- Un Ponte verso il futuro”, un progetto selezionato da “ Con i Bambini” per il contrasto alla povertà educativa minorile ed alla dispersione scolastica.

Capofila del progetto è la cooperativa sociale Lanza Del Vasto: gli altri partner sono I.C. Nicolò Barabino, Sport & GO, Fey Y Alegria Genova, Istituto Don Bosco, Cooperativa Arti & Mestieri, Università di Genova.

 “Fra le tante attività del progetto questa è sicuramente una delle più emozionanti. Con estrema semplicità, come se fosse un gesto normale i ragazzi hanno condiviso con noi adulti uno spicchio della loro anima, con parole belle, intense ed autentiche. Tutto questo- dice Angela Galasso Presidente Cooperativa Lanza Del Vasto– rappresenta una speranza per il futuro. Questi ragazzi stanno crescendo e noi cerchiamo di costruire per loro una strada che sia un po’ meno aspra e faticosa e soprattutto che li porti ad essere adulti in modo sano, positivo e costruttivo”.

Per scrivere il libretto “ Onda dell’animo” i ragazzi hanno partecipato  a laboratori poetici in classe curati da Claudio Pozzani, ideatore ed organizzatore del Festival Internazionale della Poesia, ed altri organizzati a Villa Ronco di Sampierdarena nell’ambito del teatro sociale.

La prefazione di “ Onda dell’animo” è della prof.ssa Nadia Rania del Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università di Genova secondo la quale “ leggere queste poesie ci aprirà lo sguardo su sentimenti ed emozioni di quel fanciullino che è dentro ognuno di noi perché la vera poesia, come affermava Pascoli, si trova, non si fa, si scopre, non si inventa.”

 

 “ Non è mai semplice salire su un palco davanti al pubblico con un microfono in mano- dice Claudio Pozzani Organizzatore Festival Internazionale della Poesia– e questi ragazzi non hanno avuto nessuna soggezione. I versi raccontavano di onde e di mare ed il contesto meteo, con una pioggerellina sottile, nuvole grigie e tuoni in lontananza, era perfettamente compatibile ma non li ha spaventati”.

Nel cortile maggiore di Palazzo Ducale una decina di ragazzi hanno letto le loro composizioni con l’accompagnamento musicale al violino della docente Carola Ottonello , anche l’insegnante di Lettere Paola Cattoni è salita sul palco per  interpretarne una.

“ E’ un’iniziativa bella ed importante per la quale ringrazio gli organizzatori- dichiara Francesca Corso Assessore alle Politiche per i Giovani Comune Genova-Credo che la poesia sia uno degli strumenti più consoni ad esprimere la propria interiorità ,un’espressione sociale che deve essere ascoltata. Ma la poesia è anche strumento di cura: attraverso le parole e l’impegno si traguardano valori come integrazione ed inclusione, che sono poi gli obbiettivi principali di questo progetto”.

 

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Laboratorio di giardinaggio a Villa Ronco

di

Arte, sport e giardinaggio sono i tre punti di forza della giornata del mercoledì dei  centri estivi 2022 organizzati in collaborazione fra...

Protagonisti al Festival della poesia

di

Il Festival Internazionale di poesia di Genova, “ Parole spalancate”, prima edizione nel 1995,  è la più importante e longeva manifestazione nel...

Si parla di disturbi alimentari

di

Il 15 marzo scorso era la “Giornata nazionale del  Fiocchetto Lilla dedicata ai disturbi dei comportamenti alimentari”. Queste patologie, in particolare l’anoressia,...