Un giorno da prof: il peer tutoring per i docenti fatto dai ragazzi

di

Nelle scorse settimane, tutto il partenariato ha lavorato sullo scambio dei punti di vista e degli approcci educativi, durante una serie di visite agli istituti scolastici coinvolti nel progetto. Il lavoro continuerà lungo tutta l’estate attraverso un calendario di appuntamenti legati alle comunità di pratiche con presidi, educatori ed educatrici, insegnanti. Parte di questo lavoro è mettere in condivisione storie di successo e buone pratiche portate avanti dai singoli STEM*Lab.
Abbiamo raccolto la testimonianza di Alessandra Piscitelli, docente presso l’IC Leonardo da Vinci – Frank di Torino, durante una giornata di visiting da parte di docenti di altre scuole ai nostri laboratori. Ad accoglierli hanno trovato dei sorprendenti esperti STEM: i nostri allievi e le nostre allieve! Insieme hanno realizzato uno dei laboratori curriculari legati all’approfondimento delle esplorazioni spaziali.
“Durante le attività STEM*Lab capita spesso di chiedere ai ragazzi più esperti di fare da supporto ai compagni che magari hanno qualche difficoltà. L’obiettivo di questa modalità di lavoro (peer-tutoring) è duplice: da una parte si cerca di valorizzare chi ha acquisito maggiori competenze (se ci sono difficoltà nell’affrontare le materie di studio in modalità classica, lo stimolo a superarle è maggiore in un ambiente di lavoro più informale o in attività come il coding in cui è favorito il pensiero divergente e la propensione alla sperimentazione per risolvere un problema).
Dall’altra parte, per chi ha qualche dubbio sullo svolgimento di un’attività, è molto più semplice chiedere consiglio ad un o una pari piuttosto che all’insegnante e, in questo modo, si riconoscono ai compagni e alle compagne competenze nuove che non sono sempre oggetto di valutazione.
Proprio in quest’ottica ho pensato di impostare il lavoro in occasione del visiting: l’accoglienza prevista per i docenti in anno di prova che vengono ospitati in scuole innovative.
Il nostro STEM*Lab ha dunque accolto tre insegnanti provenienti da altre scuole per avvicinarsi alla metodologia STEM. Durante l’attività docenti e ragazzi si sono cimentati nella realizzazione di un rover per esplorare Marte. Il robot è stato realizzato con mattoncini LEGO collegati ad un motorino che ne consente il movimento, reso ancora più interattivo grazie a un sensore di vista programmabile tramite app.
I colleghi e le colleghe, alla prima esperienza con questo genere di attività, sono stati entusiasti di mettersi in gioco e sono stati guidati nella risoluzione di alcuni problemi proprio dagli allievi e dalle allieve, in un processo di apprendimento al contrario (per esempio è stato risolto un bug nella programmazione). L’esperienza si è rivelata estremamente positiva per tutte e tutti ed è stato evidente quanto lo STEM*Lab non sia solo un laboratorio, ma un luogo in cui si sviluppa metodologia.”
Curiosità e apertura al confronto sono state, dunque, le due direttrici lungo le quali sono state strutturate le azioni di rete con altri istituti scolastici. Intendere la conoscenza come scambio di competenze e intuizioni tra pari, infatti, aiuta ad offrire un accesso realmente democratico al sapere e ad incentivare uno spirito di apprendimento continuo che dura tutta la vita.

Ti potrebbe interessare

L’apertura al territorio nei campi estivi di STEM*Lab Piemonte

di

L’estate STEM*Lab prosegue fino a fine luglio anche in Piemonte, grazie al coordinamento del nostro partner Liberitutti scs, nell’IC Aristide Gabelli e...

La metafora del palombaro | # 3

di

In questo aprile sospeso, a volte immobile, non si ferma il mio viaggio da educatrice in questi giorni che sembrano spesso uguali...

Scoprire il futuro del digitale con il Festival dell’Innovazione e della Scienza di Settimo Torinese

di

Dal 9 al 16 ottobre si è svolto il Festival dell’Innovazione e della Scienza a Settimo Torinese e nei comuni aderenti e noi...