Roma, “vitamine per la scuola” in tempo di pandemia

di

Già dallo scorso anno scolastico, grazie alle “Vitamine per la Scuola” previste dal Progetto Ribes, si è proposto un intervento integrato di supporto pomeridiano allo studio ad alcuni dei ragazzi delle scuole medie degli Istituti Comprensivi “Paolo Stefanelli” e “Antonio Rosmini” di Roma, intervento che inizialmente è stato realizzato in presenza presso le sedi delle scuole e poi proseguito in modalità a distanza a causa delle restrizioni per la pandemia da Covid-19. Si sono così conosciuti e supportati negli apprendimenti circa 25 ragazzi e ragazze. Con il nuovo anno scolastico, è stato mantenuto lo stesso impegno di prossimità verso i ragazzi, le famiglie e i docenti, attivando il supporto scolastico per 12 studenti dell’Istituto Paolo Stefanelli.

Tutti gli studenti vengono seguiti con incontri individuali a distanza gestiti attraverso piattaforme online, da un Tutor competente delle problematiche relative ai disturbi specifici dell’apprendimento, che si relaziona a loro costruendo un rapporto continuativo settimanale o bisettimanale a seconda delle necessità.
L’obiettivo del Tutor è quello di potenziare le abilità dei ragazzi, favorendo un percorso di consapevolezza delle proprie caratteristiche, dei punti di forza e delle strategie più funzionali per raggiungere un’autonomia nello studio, facendo loro sperimentare un senso di efficacia e di motivazione.

«I ragazzi si collegano da casa – racconta Francesca Buonasorte, tutor didattico per il progetto Ribes a Roma –  chi dalla cucina, chi dalla propria stanza, e nelle belle giornate chi dal balcone! Chi si è organizzato con tutto il materiale necessario sul letto, chi dalla scrivania e chi sul pavimento! Ognuno nella propria “zona comfort”! Con i saluti iniziali ad ogni incontro c’è chi cerca di coinvolgere in una partita online all’ultimo gioco alla moda, chi chiede consiglio su quale taglio di capelli appare meglio in videocamera, e chi ci tiene a far salutare anche il proprio animale domestico! Poi a concentrazione raggiunta inizia la sfida – continua Buonasorte – Ed è così che la geometria diventa tutta a colori, la letteratura si semplifica in schemi, la storia in mappe concettuali e l’inglese sembra uno scioglilingua con qualche regola!».

Grandi festeggiamenti (ma sempre a distanza) quando in seguito ad un compito in classe o a un’interrogazione i ragazzi di Ribes raggiungono la tanto sognata sufficienza o addirittura la superano! C’è grande soddisfazione per tutti soprattutto quando i buoni risultati raggiunti in classe sono il frutto di uno studio autonomo, realizzato dai ragazzi replicando strategie per loro vincenti, scoperte e sperimentate precedentemente con il Tutor.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Ribes all’Innovation Festival di Caritas Europa

di

Il progetto Ribes approda al primo Innovation Festival di Caritas Europa, la rassegna, su piattaforma virtuale, in cui verranno presentati i progetti...

Il Natale di Ribes tra attività, iniziative e speranze

di

Arrivano le festività natalizie, in questo 2020 in cui ogni aspetto della vita è costato ancor più fatica, in cui la pandemia...

Ribes, Rossi-Doria: “Lottare insieme per l’attenzione alla povertà educativa minorile”

di

Si sono svolte martedì 29 e mercoledì 30 novembre, presso l’Istituto Seraphicum di Roma, le due giornate che accompagnano il progetto Ribes...