Teatro: concentrazione e fantasia

di

I ragazzi del Laboratorio Teatrale di Ri-Belli in piena attività

Nuovi ingressi, esercizi di concentrazione e le prime “creazioni”.

Questi, in sintesi, i temi del secondo appuntamento con il laboratorio teatrale del Progetto “Ri-Belli”, organizzato da Abaco – Il Teatro Conta.

Fabio Guastella ci racconta come è andata

“Il laboratorio è andato molto bene, anche perchè il clima che si è creato è molto positivo.

Abbiamo registrato tanti nuovi ingressi, in particolare di alcuni ragazzi più grandi rispetto al primo appuntamento.

Tutti hanno lavorato abbastanza bene, nonostante qualche normale distrazione da cui, però, tutti i partecipanti si sono subito ripresi.

Al centro di questo incontro abbiamo voluto inserire, ancora una volta, degli esercizi di espressione corporea, come la “camminata nello spazio”, la “passeggiata delle emozioni” e un gioco sull’impulso. I ragazzi, dovevano, quindi, passarsi un battito di mani, ma con regole ben precise e con intensità variabili.

Questo, ovviamente, ha creato un pò di confusione, anche perchè si tratta di un gioco semplice ma che richiede molta concentrazione, anche perchè bisogna creare una sequenza ritmica.

Non è stato facile, non solo per qualche distrazione ma anche per un pò di timidezza che, con il passare del tempo, è venuta meno.

Abbiamo poi fatto un gioco sulla bugia; in pratica, bisognava dire cose diverse dalla realtà sui propri vestiti, i propri capelli ed essere convincenti, per far emergere la “teatralità” di cui sono in possesso.

Infine, i ragazzi hanno anche “inventato” un personaggio, prendendo ispirazione da film, cartoni, e qualunque altra cosa abbiano visto in tv, con il compito di scrivere, direttamente, una piccola battuta.

Alcuni di loro hanno veramente centrato in pieno il personaggio scelto, dando colore alla battuta che hanno scritto.

Alla fine, quindi, abbiamo lavorato molto bene e con grande varietà di azioni; l’obiettivo è, ora, che il gruppo prosegua con la medesima solidità ed entusiasmo mostrati in questi primi due appuntamenti”.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Ripartire con entusiasmo”

di

Ameni Bouali, mediatrice di "Ri-Belli". "La pandemia ha creato grandi difficoltà, ma possiamo ripartire"

Dalle parole ai fatti

di

Il Diario del Progetto Ri-Belli, parte l'attività in classe della nostra mediatrice di lingua araba a Santa Croce Camerina

Ri-Belli, un lavoro di squadra

di

L'esperienza di Viviana Spada, psicologa. "Dagli sguardi, capiamo l'importanza di non sentirsi soli"