AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 1 CENTRO

di

L’attività dell’ASL prevede la formazione di operatori e operatrici (120 tra pediatri, neuropsichiatri infantili, psicologi e psicoterapeuti) che, nello svolgimento della loro professione, si confrontano con le tematiche della violenza di genere.

Obiettivo del percorso formativo è il rafforzamento delle competenze di tali professionisti/e, affinché ci sia un miglioramento delle capacità di prevenzione, individuazione e gestione del fenomeno. Il gruppo di lavoro di OLV intende promuovere momenti di riflessione per facilitare l’individuazione di aspetti socio-culturali che alimentano teorie ingenue e stereotipi, diffusi anche tra i clinici, che contribuiscono a rendere la violenza assistita un fenomeno poco visto e documentato, e intende farlo attraverso l’uso del gruppo di parità, che promuove la parità (e dunque la non-violenza) all’interno del gruppo, concedendo a ciascun partecipante la possibilità di condurre l’incontro per un tempo che sia uguale per tutti. Si vuole favorire, inoltre, una riflessione sulle basi da cui si parte per osservare la violenza di genere, una riflessione dunque sulle premesse culturali che sostengono e strutturano valori, convinzioni, definizioni, con l’obiettivo di accrescere la propria consapevolezza in merito alle proprie rappresentazioni psicologiche e culturali inerenti il fenomeno.

Formazione specifica sulla violenza di genere con una metodologia articolata in 4 punti:
1) ANALISI E STUDIO DELLA LETTERATURA SCIENTIFICA SUL TEMA;
2) ANALISI DEI RIFERIMENTI NORMATIVI all’interno dei quali si inseriscono il contrasto e la prevenzione della violenza di genere; aspetti socio-culturali che la alimentano;
3) TEORIE INGENUE E STEREOTIPI, diffusi anche tra i clinici, che contribuiscono a rendere la violenza assistita un fenomeno poco rilevato;
4) RIFLESSIONE sulla lente di osservazione, le premesse culturali che sostengono e strutturano valori, convinzioni, definizioni, per accrescere la consapevolezza sulle rappresentazioni psicologiche e culturali inerenti la violenza di genere.

Regioni

Ti potrebbe interessare

RESTART si presenta

di

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTRASTO DEL MALTRATTAMENTO ALL’INFANZIA RESTART è cofinanziato da Impresa Sociale Con i Bambini, nell’ambito del Fondo per...

Ripartenze per la rete di prevenzione e cura delle vittime delle Esperienza Sfavorevoli Infantili: il Progetto RESTART

di

È in programma mercoledì 7 dicembre il convegno di presentazione delle attività del Progetto RESTART – Bando Ricucire i sogni in programma presso...

Le dimensioni innovative del Progetto RESTART

di

Marianna Giordano, assistente sociale di Fondazione Eos, ha moderato gli interventi del convegno “Ripartenze per la rete di prevenzione e cura delle...