Piccoli e corti – laboratori di cinema d’animazione

di

Rendere protagonisti i bambini in un campo in cui solitamente sono solo spettatori, è questo l’obiettivo dei laboratori di cinema d’animazione che da circa 15 anni  La casa dei conigli conduce sul territorio napoletano, verificando  l’enorme potenzialità di questo tipo di attività. I bambini sono effettivamente  protagonisti, ma non solo. Hanno la possibilità di misurarsi con se stessi e con gli altri componenti del gruppo e sperimentare le proprie capacità in campi spesso inesplorati. Devono inventare, capire quanto di quello che hanno ideato può essere effettivamente utile al lavoro e realizzabile, dunque devono saper tagliare e rinunciare, essere malleabili. Devono disegnare e nel farlo devono, spesso per la prima volta, non essere precisi e didascalici, ma rendere solo l’idea. Devono costruire, utilizzando le risorse a disposizione e mettendo alla prova la propria manualità, spesso mortificata. Devono diventare registi e animatori, rispettando tempi, spazi e turni e mettendo a dura prova la propria pazienza, frenando la fretta che spesso li contraddistingue. Devono essere precisi e mirati. Devono scrivere, o anche solo recitare, vincendo la timidezza, per dar voce ai personaggi da loro stessi creati. Tutte le fasi descritte prevedono che si tengano presenti i desideri e le idee degli altri componenti del gruppo e che si trovi il giusto equilibrio tra tutti. Infine, tutti insieme, si sperimenta che ore e ore di lavoro danno come frutto pochi minuti di risultato in video.

Tutto questo è un laboratorio di cinema d’animazione.
Per tutte queste ragioni, questo tipo di percorso può essere considerato una sorta di palestra per tutte le competenze che mette in gioco. A maggior ragione può essere addirittura terapeutico, quando il gruppo è composto da soggetti poco inclini allo stare in gruppo o poco abituati a starci, perché magari solitamente esclusi. Come avviene anche nelle classi delle scuole che visitiamo, spesso il bambino considerato meno capace, o bisognoso di supporto, in questo laboratorio trova il suo spazio comodo e riesce ad emergere anche al di sopra degli altri. Questo perché il lavoro che si fa richiede lentezza e precisione, doti che magari la maggioranza, abituata a fare e mostrare subito le proprie abilità, non coltiva. Chi ha bisogno di più tempo, qui sboccia perché il tempo lento è il nostro alleato.
Il tipo di lavoro da fare richiede sì lo stare in gruppo, ma è un aggregarsi vario e non continuativo: ciascuno può scegliere in ogni fase se e con chi aggregarsi, è possibile anche lavorare da soli, producendo comunque qualcosa che andrà ad unirsi ai lavori degli altri nel prodotto finale. Questa elasticità permette a tutti di non sentirsi costretti, anche se non sempre si riesce a trovare la quadra per tutti.

Nel caso specifico degli orfani speciali, i figlie e le figlie di crimini domestici, questo percorso è un importante momento di inserimento in un gruppo, per creare insieme qualcosa di proprio, senza dover rendere per forza conto di chi si è e del perché si è lì.  E’ una esperienza di  normalità aggregante, senza troppe complicazioni. Le dinamiche di gruppo fanno il loro corso e gli eventuali problemi che ciascuno si porta dietro vengono fuori da sé, oppure restano sopiti, senza alcuna forzatura.
Tuttavia è comunque importante avere sempre presenti psicologhe e operatrici, per risolvere eventuali situazioni difficili, più che altro per la sicurezza dei minori, per non rischiare di sbagliare approccio.
La storia messa insieme dai bambini durante il laboratorio è una storia di evasione, di sogno, molto surreale, ma al tempo stesso estremamente chiara. L’albero che ispira i sogni, è stato fortemente voluto proprio da uno degli orfani speciali presenti nel gruppo.

Regioni

Argomenti

Ti potrebbe interessare

Parte anche in Calabria il progetto per gli orfani speciali

di

Fare rete, lavorare concretamente a realizzare un percorso di aiuto efficace per  bambini rimasti orfani di un genitore perdendo contemporaneamente anche l’altro....

Le Doti Educative come intervento psicosociale

di

Nel pieno della fase operativa del progetto Respiro in sostegno degli orfani di vittime di femminicidio, selezionato da Con i Bambini nell’ambito del...

23 Febbraio | Orfani di femminicidio e diritto all’infanzia

di

Il 23 febbraio alle ore 10 online in un webinar pubblico parleremo della condizione degli “orfani speciali” grazie a interventi istituzionali e...