Una formazione partecipativa in favore degli orfani speciali

di

Dalla violenza contro le donne ai rischi della violenza assistita dai bambini, dai traumi degli orfani speciali agli interventi di natura psicosociale fino all’advocacy e agli stereotipi della comunicazione mediatica: un ciclo di sei incontri  di formazione online per allineare le competenze di tutti partners del progetto Respiro e gettare le basi di un proficuo lavoro congiunto in favore dei figli e delle figlie vittime di femminicidio.

“Capacity Building – Il sapere partecipato. Approfondimenti teorici, buone pratiche, modelli di intervento” è il titolo del ciclo di appuntamenti, destinato ad un centinaio di operatori degli enti partner  e rappresenta uno dei primi interventi messi in campo dalla cabina di regia del progetto. In programma online ogni giovedì, si propone di offrire ai partecipanti un modo per discutere insieme e trovare soluzioni pratiche a problemi concreti, uniformare conoscenze e condividere il know how, le esperienze e le buone pratiche.

Questo il calendario degli incontri:

24/3
“Violenza contro le donne e femminicidio: scenario culturale, normativo e sociale”

31/3
“La violenza assistita come fattore di rischio: dalla rilevazione precoce alla presa in carico integrata”

7/4
“I traumi nel trauma: gli orfani speciali” – prima parte

21/4
“I traumi nel trauma: gli orfani speciali” – seconda parte

28/4
“Interventi di matrice psicosociale”

5/5

“Advocacy e comunicazione”

Ti potrebbe interessare

Percorsi di recupero per uomini maltrattanti, l’approvazione del Senato e il lavoro del progetto

di

Oggi è stata approvata all’unanimità dal Senato la relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sul femminicidio sui percorsi trattamentali per uomini autori di...

23 Febbraio | Orfani di femminicidio e diritto all’infanzia

di

Il 23 febbraio alle ore 10 online in un webinar pubblico parleremo della condizione degli “orfani speciali” grazie a interventi istituzionali e...

Prendersi cura dei piccoli orfani: la testimonianza di Adriana e Luigi Formicola

di

“Nella tragedia il nostro primo pensiero è stato quello dei bimbi, il piccolo aveva solo 19 mesi e il grande 4 anni”...