Monitorare facendo

di

Riflessioni

Dove sta scritto che il monitoraggio debba essere un’operazione, silenziosa relegata ad una scrivania, con fogli da leggere e numeri da inserire?

Nessuno, per questo non c’è regola che vieti la presenza delle persone che si occupano del monitoraggio durante lo svolgimento delle attività e addirittura che svolgano insieme agli altri, passando da osservatori silenti, a soggetti attivi del progetto.

È esattamente quello che è successo in questi giorni nel cantiere di autocostruzione organizzato e gestito da Interazione Urbane, nella scuola Melissa Bassi di Tor Bella Monaca.

I giorni del 30-31 Marzo e 1 Aprile si è svolto ed inaugurato, come potete leggere meglio qui, il cantiere finalizzato alla costruzione di un’aula esterna della scuola, tra le altre cose. Noi di Ulis siamo stati invitati, come tutti i partner, a partecipare operativamente al cantiere, mettendo a disposizione il nostro tempo.

Un’esperienza fantastica!

Nonostante il meteo non sia stato proprio dalla nostra parte, la mattina del 30 è volata in un susseguirsi di organizzazioni, ridefinizioni, spostamenti tra l’interno e l’esterno della scuola portandoci a casa ottimi risultati, come potete vedere dalle foto.

Elemento importante questo, ai fini del monitoraggio dell’efficacia di un progetto che, come questo, connette e stimola la disponibilità di Istituzioni e partner.

La presenza sul campo consente anche di rilevare informazioni che non sono catturate dal registro presenza o dal numero finale di persone che hanno il qualche modo preso parte alle giornate: tutto il linguaggio non verbale che attraversa i partner, i ragazzi, le istituzioni. Se da un lato può sembrare un pericoloso elemento di distorsione, dall’altro è un vettore importante di informazione sull’andamento e sulle performance delle attività e del progetto.

E poi?

I cantieri non finiscono qui, come previsto da progetto anche i territori di Corviale e Tor San Lorenzo (Ardea) saranno interessati da momenti di autocostruzione, che vedranno, come in questo caso, il coinvolgimento di tutti! Quindi ci vediamo nei prossimi mesi, per un nuovo aggiornamento su come la partecipazione alle attività sia un elemento sostanziale del monitoraggio inteso come attività finalizzata ad evidenziare criticità e punti da enfatizzare perché funzionano!

DAJE!

 

Un progetto di:
Co2 Crisis Opportunity OnlusAssociazione Community Organizing OnlusAssociazione Spazio x RomaInterazione UrbaneCalcioSociale, Scuola Pop Tor San LorenzoEutropianCooperativa Ulis

Finanziato nell’ambito del bando “Un Passo Avanti” dell’Impresa Sociale “Con I Bambini

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il viaggio attraverso le emozioni continua!

di

Cara rabbia, cara paura… che sorpresa! Alla Melissa Bassi continua il nostro viaggio attraverso le emozioni! Prima di addentrarci in questa impresa...

DAJE UN PO’ – SCUOLA POP – PRIMI TRE INCONTRI AD ARDEA

di

INCONTRO UNO – 20/01/2021 –  durata 2H Il primo incontro del 20 Gennaio si è tenuto nella classe II B dell’Istituto Comprensivo...

La Comunità Educante di Corviale ci invita a ripensare il community organizing 2/2

di

LA FIRMA DELL’ACCORDO TRA PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI PER LA PROMOZIONE DI PRATICHE EDUCATIVE E LA PREVENZIONE DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA La Passeggiata di Quartiere...