Imparare a superare le difficoltà e ad organizzare meglio i compiti: ecco il tutoraggio scolastico Panthakù dell’istituto Principe di Piemonte

di

Ragazzi e tutor di Ai.Bi. alle prese con i compiti assegnati dai prof, ma anche con nuove strategie di apprendimento

 

Guai a chiamarlo doposcuola. Perché il tutoraggio scolastico pomeridiano gestito da Ai.Bi. e avviato nelle scuole coinvolte nella rete di “Panthakù. Educare dappertutto”, il progetto con capofila Amici dei Bambini, selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, è un vero e proprio laboratorio pomeridiano che si basa sull’ascolto e sull’accoglienza.

Parola di Anna Nappi, che se ne occupa insieme alla collega Angela Rauso nell’istituto comprensivo Principe di Piemonte di Santa Maria Capua Vetere. Sono undici gli studenti che ne beneficiano e che approfittano delle competenze di un team di esperti non solo per essere aiutati a svolgere nel migliore dei modi i compiti che gli insegnanti assegnano loro in aula, ma soprattutto per acquisire una metodologia di studio, che sarà fondamentale per l’intero percorso scolastico.

“Il nostro obiettivo è quello di renderli progressivamente sempre più autonomi – spiega Nappi – aiutandoli a superare le difficoltà che inevitabilmente incontrano, in particolare gli studenti di prima che si ritrovano catapultati in un nuovo mondo. Poi suggeriamo loro delle strategie di apprendimento, per imparare meglio e magari più velocemente, man mano che acquistano fiducia nelle proprie potenzialità”.

Le materie che rappresentano lo scoglio maggiore? Matematica e lingue, probabilmente perché necessitano di un approccio nuovo rispetto a quello avuto durante le scuole elementari. Ma nessuno si perde d’animo, perché sa di poter contare sulla guida preziosa delle tutor: “Con noi si confidano ed il nostro compito è anche quello di spingerli ad aprirsi e di essere quindi sereni nel confronto, per bypassare eventuali problemi che possono insorgere strada facendo e per valorizzare con sempre maggiore passione e tenacia i loro progressi”.

Il gruppo è ben affiatato, oltre che collaborativo: “Gli studenti ci seguono con grande attenzione e si dimostrano sempre rispettosi, anche quando facciamo lezioni di gruppo”. Poi, ogni tanto, una battuta e una risata non fanno altro che regalare un sorriso e fare bene allo spirito.

 

Regioni

Ti potrebbe interessare

Il coronavirus non ferma la webradio Panthakù dell’IC Denza di Castellammare di Stabia

di

Se glielo avessero detto, non ci avrebbero mai creduto. E avrebbero anche risposto con un sorrisetto sarcastico. E invece la chiusura delle...

Donne, razzismo, primavera: lunedì 14 alle 16 la diretta della web radio Panthakù dalla scuola Denza di Castellammare di Stabia

di

Tanta buona musica, interviste e riflessioni nella nuova puntata della webradio del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”   C’è una data da segnare...

Resilienza: la parola chiave per vincere la sfida post covid e tornare alla normalità

di

Mercoledì 26 maggio ore 19 la diretta Facebook di Panthakù della rubrica “Diretta(mente) in famiglia”: una coppia di genitori a confronto con...