Pronti a diventare una squadra di pallanuoto targata Panthakù!

di

Con la Rari Nantes e Ai.Bi. gli alunni della Calcedonia e della Montalcini di Salerno si preparano a diventare campioni

L’obiettivo è quello di formare una squadra. Non per scendere in campo nei match ufficiali, ma per prendere parte ai tanti tornei paralleli a quelli federali per divertirsi e dare prova delle competenze acquisite sul campo.

Primo Ricci, insieme a Gabriella Ronsini, è l’interfaccia della Rari Nantes Nuoto Salerno con i giovani studenti degli istituti salernitani Calcedonia e Montalcini che partecipano al progetto “Panthakù. Educare dappertutto”. In tre mesi ha visto i 24 ragazzi che partecipano all’attività della squadra crescere, imparare a stare insieme e a superare paure e barriere. Li ha visti fortificarsi, diventare meno impacciati, ma soprattutto, più propensi  a fidarsi gli uni degli altri. “All’inizio abbiamo riscontrato delle difficoltà nell’amalgamare le due scuole – racconta Ricci – Poi piano piano, facendoli giocare, mostrando loro dei video, spronandoli al dialogo, siamo riusciti a creare una bella rete dove si respira entusiasmo e voglia di mettersi in gioco”.

panthaku rari nantes

 

Una curiosità: la prevalenza dei partecipanti è data dalle signorine, “un dato in controtendenza per Salerno dove da almeno cinque o sei anni non si riesce a formare una squadra al femminile”. Invece Panthakù è stato in grado di solleticare la curiosità del gentil sesso nei confronti di uno sport che erroneamente è considerato maschile.

“Gli sport acquatici sono più costosi della media, perché comportano spese di manutenzione per le piscine. Sapere che tanti ragazzi possono farlo gratuitamente, mentre magari erano stati costretti a sospendere le attività per difficoltà economiche delle famiglie, ci rende veramente felici – continua Ricci – Ci sono ragazzini che ce lo hanno confidato e che non hanno nascosto il loro entusiasmo, dal momento che fino al 2021 potranno dedicarsi ad uno sport che li appassiona”.

Partita rari nantes panthaku

E il risultato è stato evidente a maggio, quando la Rari Nantes ha invitato le famiglie presso gli spazi della piscina Nicodemi, per assistere a una partita dei loro ragazzi. Applausi e qualche lacrima hanno accompagnato l’incontro dove i sorrisi e gli abbracci hanno confermato che l’approccio degli istruttori per creare un gruppo di lavoro è stato vincente. “In questo modo li preserviamo anche da quello che in gergo si definisce autismo motorio. Oggi i ragazzi non sono più capaci di fare un salto o una giravolta perché passano le ore seduti davanti a computer e playstation. Spingerli a muoversi non solo li aiuta ad allenare i muscoli, ma soprattutto la mente, perché li tiene impegnati in un campo in cui occorre seguire delle istruzioni, essere padroni di se stessi, imparare a gestire l’acqua e a relazionarsi con gli altri”.

Tiro porta Rari Nantes

Come diceva Gabriella Dorio, l’impegno di una attività sportiva insegna a socializzare, il contatto e lo scambio di opinioni aprono una persona al dialogo e alla tolleranza, arricchendola di senso civile e di esperienze preziose. Obiettivo che la Rari Nantes pare aver già raggiunto.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Cos’è l’educazione all’immagine? Gli alunni di Panthakù lo hanno scoperto con Salvatore Di Vilio

di

Entusiasti e appassionati i giovani studenti dell’IC Principe di Piemonte di S.Maria Capua Vetere che hanno partecipato al laboratorio di fotografia della...

Biscotti, panettoni e tiramisù per imparare i segreti del mestiere con la CNA e Ai.Bi.

di

GLI ALLIEVI DELLA CALCEDONIA A LEZIONE DI PASTICCERIA Le loro facce devono essere state simili a quelle dei bambini che al cinema...

La scuola nelle case e le case nella scuola: 200 genitori partecipano alla ricerca-azione di Panthakù

di

Presentati i dati del sondaggio di Fondazione Carisal e Ai.Bi. propedeutico alla costruzione di un patto educativo di comunità   Leggere i...