Genitori-figli: la sfida di Ai.Bi. e del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”

di

I sabati della famiglia per divertirsi e imparare a crescere, insieme

Fare rete, imparare a condividere con l’altro, mettere da parte l’egoismo, staccare la spina con la tecnologia, stare all’aria aperta, divertirsi e giocare a scovare il proprio talento: sono solo alcuni dei vantaggi dello sport praticato in compagnia. Se poi in questo spaccato fanno capolino anche mamma e papà, allora il risultato è garantito. Perché in questo modo il benessere del corpo e quello dello spirito vengono potenziati dalla cementazione dei rapporti familiari, importantissimi sempre, ma soprattutto in una fase delicatissima come quella dell’adolescenza e della preadolescenza.

Ne è perfettamente consapevole Mirella Amato, dirigente dell’istituto comprensivo Calcedonia di Salerno, tra le scuole che hanno aderito subito al progetto “Panthakù. Educare dappertutto”, sostenuto dall’Impresa Sociale Con i Bambini, offrendo tra le altre cose ai propri studenti la possibilità di trascorrere le mattine dal 10 giugno al 6 luglio al campo estivo curato dal CSI presso gli spazi del pattinodromo comunale.

ragazzi al summer camp CSI-Panthakù

Calcio, basket, pallavolo, calcio balilla, pattinaggio, tennis, ping pong, tiro con l’arco e giochi d’acqua sono le attività che terranno impegnati i giovanissimi insieme ai “colleghi” della Montalcini.

Ma la vera novità è rappresentata dal pic-nic familiare e dagli sport genitori-figli, pensati per far ritrovare le famiglie in un ambiente divertente e sano. “In base alla mia esperienza i genitori hanno in genere poco tempo da dedicare ai bambini perché sono assorbiti dal lavoro – spiega Mirella Amato – Ma la preadolescenza è un momento particolare, che esige una maggiore presenza, perché nella maggior parte dei casi i ragazzi tendono a chiudersi, a isolarsi e a denigrare i modelli imposti dalla famiglia. L’obiettivo della partecipazione dei genitori il sabato alle attività dei figli, è proprio quello di stemperare attraverso il gioco e il momento del pranzo le tensioni che possono venirsi a creare. E l’idea è vincente, perché abbiamo avuto tantissime adesioni per la partecipazione al campo estivo, una cosa che ci riempie di gioia e di inorgoglisce”.

pic-nic familiare Panthakù

Sabato 15 giugno quindi i genitori sono stati invitati a condividere un pranzo/pic-nic tutti insieme, così da conoscersi reciprocamente e creare un momento insieme ai figli, che nel frattempo termineranno le loro attività quotidiane sul campo del CSI. Sabato 22 invece, fin dalla mattina, i genitori che lo vorranno potranno scendere in campo con i figli e trascorrere tutta la mattina tra pallavolo, calcio, tennis e tanto divertimento. Concluso il ciclo di due settimane per il primo gruppo di circa 40 bambini, i sabati in famiglia, nello stesso ordine, attenderanno anche il secondo gruppo di circa 40 bambini che parteciperà alle attività del CSI dal 24 giugno al 6 luglio.

Sport famiglia Panthakù

Praticando sport all’aria aperta, i ragazzi potranno “allontanarsi per qualche ora dalla tecnologia dalla quale sono completamente rapiti – continua la dirigente scolastica – incanalando energie in attività sane e terapeutiche. Inoltre, essendo seguiti da istruttori professionisti, potranno anche mettersi alla prova e scoprire le loro attitudini. Ne uscirà fuori qualche talento? Chissà. Noi lo speriamo. In ogni caso, l’aspetto principale è che in questo modo impareranno a fare rete, a lavorare in squadra, mettendo da parte gli egoismi, che è poi una delle regole fondamentali per vivere e lavorare in società”.

E se è vero che, come diceva Rafael Nadal, la forza mentale distingue i campioni dai quasi campioni, grazie a queste attività “impareranno a cadere e a rialzarsi”. Perché tendere alla sola perfezione è stupido e si rischia di creare false illusioni, “mentre l’importante è comprendere che di fronte alle difficoltà ci si deve rimettere in piedi e camminare, perché i problemi esistono ma vanno affrontati”. Certo, occorre impegno, dedizione e sacrificio, “ma del resto – insiste Mirella Amato – ha valore ed è duraturo solo ciò che si conquista con il sacrificio e questo è importante che i ragazzi lo interiorizzino grazie alle attività che praticheranno in gruppo”.

Perdere, sosteneva Carlos Drummond de Andrade, è un modo di apprendere. Ancora di più se questa sfida sarà accompagnata da mamma e papà, in pic-nic e sport da vivere all’insegna del divertimento e dello stare insieme. L’importante? Ancora una volta è partecipare.

Regioni

Ti potrebbe interessare

Sono Mario, ho 11 anni e vi racconto Panthakù, il progetto di Ai.Bi. e altri 24 amici

di

Da oggi ripartono le attività per i ragazzi e Mario (amico di fantasia) vi racconta Panthakù   Ciao a tutti. Mi chiamo...

Da Carditello una lezione di impegno e di rinascita per gli alunni di Panthakù

di

L’idea del campo estivo presso il Real Sito di Carditello nata da una mamma volontaria dell’Associazione capofila del progetto, Ai.Bi Amici dei...

Smalti, massaggi, spazzole e colori per gli artigiani del futuro insieme ad Ai.Bi. e alla CNA Campania Nord

di

Successo per i laboratori tenuti dalla CNA Campania Nord (Napoli) con gli allievi dell’Istituto Comprensivo Denza per il progetto Panthakù All’inizio erano...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK