Il coronavirus non ferma la webradio Panthakù dell’IC Denza di Castellammare di Stabia

di

Se glielo avessero detto, non ci avrebbero mai creduto. E avrebbero anche risposto con un sorrisetto sarcastico. E invece la chiusura delle scuole pesa. Pesa perché ci si annoia, perché non si possono vedere con la stessa frequenza gli amici e le insegnanti. Pesa perché il tempo in casa alle volte sembra non passare mai.

E allora, per sentirsi vicini anche se solo virtualmente e per aiutare le giornate ad essere più movimentate, Angela Longobardi e Miriam Cozzolino, che animano il progetto della web radio seguito dai teen alunni dell’istituto Luigi Denza di Castellammare, hanno deciso di non sospendere la didattica. A distanza e grazie alla chat di WhatsApp, gli aspiranti giornalisti continuano anche in questi giorni difficili a scambiarsi opinioni e ad “allenarsi” con interviste e articoli.

La redazione di Ai.Bi. del progetto Panthakù applica lo smart working e continua il lavoro giornalistico, senza farsi fermare dal coronavirus

Allo stato non è possibile prevedere i tempi dell’emergenza da Coronavirus e quindi stabilire con certezza la data di riapertura delle scuole: tutto potrebbe cambiare da un momento all’altro, ma nel frattempo i piccoli giornalisti del Denza continuano ad informarsi, fare ricerche, strutturare le interviste, pensare a come organizzare la scaletta. Insomma, un vero e lodevole esempio di smart working redazionale.

Di cosa si parlerà nella prossima diretta on air? Naturalmente di Coronavirus, affidandosi alle competenze dell’insegnante di Scienze. Poi di videogiochi, confrontandosi con gli amici che sono appassionati. E poi dell’Amica geniale, in un faccia a faccia tra gli speaker.

“I ragazzi hanno accolto con piacere la nostra proposta – racconta Angela Longobardi – e sono molto appassionati. In origine erano solo in quattro. Adesso abbiamo raggiunto quota dodici e sono tutti estremamente partecipativi”.

Ancora una volta “Panthakù. Educare dappertutto”, progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, ha colto nel segno ed ha dimostrato che, anche in tempi di emergenza, è possibile fare di più per i ragazzi e per la comunità educante.

Regioni

Ti potrebbe interessare

“Peer to peer, questa la scuola che ci piace”, con Ai.Bi. e Panthakù

di

La testimonianza di Alma, studentessa della II D del plesso De Filippis (IC Calcedonia) di Salerno Imparare a fare rete fin da...

“Sono una mamma orgogliosamente imperfetta”. Confessioni e consigli utili nella diretta di Panthakù

di

Emozione e grande condivisione per la diretta Facebook di “Diretta(mente) in famiglia” con le psicologhe Ai.Bi. e il tema dell’autostima   Ci...

Vela e Ai.Bi. incontrano i docenti: vizi e virtù della didattica online

di

Appuntamento con il primo incontro venerdì 9 alle ore 16 con 12 docenti delle scuole partner del progetto “Panthakù. Educare dappertutto”  ...

Questo sito prevede l‘utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioniOK